Guida a Hold’Em Manager nei Tornei – Parte 2 – Utilizzo dello HUD | Italiapokerclub

Tuesday, Mar. 31, 2020

Strumenti

Scritto da:

|

il 11 Feb 2011

|

 

Guida a Hold’Em Manager nei Tornei – Parte 2 – Utilizzo dello HUD

Guida a Hold’Em Manager nei Tornei – Parte 2 – Utilizzo dello HUD

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Attraverso questo articolo tratteremo dell’utilizzo dello HUD di Hold’em Manager, ovvero (a mio avviso) uno degli strumenti più potenti a disposizione del giocatore di Texas Hold’em.

Un Sit si sviluppa mediamente su 120/150 mani e quelle mani sono tutto il tempo che avete a disposizione per conoscere i vostri Op, alcuni dei quali non rivedrete probabilmente mai.
E’ per questo che multi-tablare porta ad un abbassamento del ROI… l’abilità dei giocatori è la stessa, le carte pure, ma abbiamo molta meno informazioni.

Ma anche se giocassimo un solo Sit per volta, non saremmo mai in grado di ricordare e classificare tutto ciò che un singolo Op ha fatto… si racconta che Kasparov fosse in grado di raccontare una partita di scacchi mossa per mossa anni dopo averla disputata: ecco, credo che sarebbe stato un eccellente giocatore di THE.

Lo HUD di HEM fa per voi ciò che difficilmente riuscireste a fare in un singolo Sit e che è materialmente impossibile fare multitablando: guarda ogni singola mano, ogni singola mossa, la classifica, la analizza e vi presenta il risultato lì, sul tavolo, accanto all’Avatar del vostro Op.

Quindi anche sul singolo Sit e su giocatori completamente sconosciuti, lo HUD vi garantisce che tutta l’informazione disponibile sia lì a vostra disposizione.

L’immagine che trovate all’inizio di questo articolo mostra la collocazione che io uso per lo HUD nei tavoli 10 e 9 handed.
Sicuramente è migliorabile, ma ci sono arrivato un passetto per volta e credo che si avvicini all’ottimale.

Perchè HEM riesca a collocare le Stats al posto giusto dovete settare il Posto Preferito, sia nel Client di PS che in HEM.
Tenete presente che HEM considera posto 1 quello a destra della cassetta delle chips guardando il tavolo e prosegue in senso orario.
Quindi settate il posto preferito nel Client e poi dite a HEM qual’è il vostro posto 10, 9, 6 e 2 Handed.

Table Average
Utile, ma non fondamentale, è quella serie di informazioni che nella mia disposizione vedete piazzata direttamente sulla cassetta delle Chips.
Vi permette di vedere mediamente che tipo di Pot si generano al tavolo (sicuramente più importante per il Cash che per i Sit).

Vi dà anche modo di vedere una HH più o meno dettagliata delle ultime mani.
Clickando sul numero di chips vinte, appariranno in sovrapposizione al tavolo le carte conosciute dei players ed il Board.
Clickando sul nome del vincitore della mano, si aprirà una finestra con una HH dettagliata e la possibilità di accedere alle mani precedenti.
Fateci un giretto… scoprirete cose interessanti di cui parlerò più avanti nel paragrafo dedicato alla C-bet 

Scelta delle Stats
Come in tutte le situazioni, l’abbondanza è madre della confusione…
HEM offre una scelta di statistiche talmente vasta che è facile perdersi, ma cerchiamo di mettere ordine.

Vorrete sicuramente avere a disposizione alcune informazioni di base sugli Op:
VPIP – E’ loose o tight?
PFR – Come entra in gioco?
Agg factor – E’ aggressivo o passivo?
Hands – Quante mani ho letto di questo Op?

Già solo questi dati sono importantissimi..
Siamo in CO e abbiamo JJ verso metà di un Sit… UTG+1 ha fatto un Raise di 3xBB… che facciamo?
Buttando un occhio alle stats possiamo avere dei dati in più su cui basarci…
Se UTG+1 è un Hiper-Tight con un VPIP del 5%, mi sentirei di dire che possiamo mandare i nostri ganci a fare una passeggiata…
Ma se é uno Stra-Loose con un VPIP del 40% possiamo simpaticamente 3-bettarlo e raccogliere con un sorriso le sue Chips.

Disclaimer: il fatto che un giocatore sia molto Loose, implica solo che gioca anche mani molto marginali, non vuol dire che non abbia mai AA

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Un’altra serie di dati che personalmente uso molto sono quelli basati sui Folding patterns, dove possiamo vedere quanto il nostro Op folda vs una Bet o un Raise al Flop, Turn e River.
Questo ci serve per avere una chiara idea se abbiamo davanti una CS o un giocatore bluffabile…

Ultima, ma non meno importante, serie di informazioni su cui baso la mia vita (va beh, quasi) nelle fasi finali:
Flop C-Bet – La fa sempre o solo se lega?
Fold vs CBet Raise – Se non ha legato e lo raisiamo, quanto folda?
Check raise – Quanto è paraxulo?
Steal – chiaro direi 

Dedichiamo due parole conclusive alle Stats che ruotano intorno alla C-Bet e allo Steal.

Esiste una Variabile che indica la percentuale di C-Bet quando l’Op non lega al flop, C-Bet vs missed Flop… ma si basa sul fatto di arrivare a vedere le sue pocket!
Se non lo sapete, anche nel caso in cui il giocatore mucki allo ShowDown le pocket vengono mostrate (infatti sono nella HH)… valutate la possibilità di checkare lo showdown…
Forse porterete a casa 100 chips in meno (ma di solito arrivati lì molti foldano), ma acquisite informazioni fondamentali sul tipo di carte con cui gioca.

Ora approfondiamo la variabile Steal…
Avrete notato che portare il mouse su una qualsiasi stat fa aprire una finestrella di dettaglio.
Per esempio, se puntiamo al VPIP vedremo il dettaglio delle giocate per posizione dell’Op suddivise in Limp, PFR, 3-Bet e così via… carino, ma non mostruosamente utile se non per decidere che sì, è decisamente un fish! 

Se andate su Steal apparirà una finestra molto più utile.
Avrete modo di vedere quante volte il player è andato in Steal da CO, B e SB.
Potrete anche vedere, mooooolto utile nelle fasi di push/fold, come si comporta di fronte ai tentativi di Steal:
– quanto folda da SB e BB
– quanto fa Call
– quanto 3-Betta

A questo punto valutare se andare o no in Steal con quel K9s da B diventa abbastanza più semplice 

Ultimissimo punto prima di chiudere… un doppio click sulle Stat di un giocatore permette di passare dalle Stats totali a quelle di quel singolo Sit…
Qualcuno, vedi introduzione, dirà che è assurdo farlo… personalmente verso metà del Sit se ho giocatori che conosco bene (molte mani lette) un controllino lo faccio, semplicemente per verificare che stia “giocando come al solito”… che non è assolutamente detto!

Concluderei qui questa disquisizione sullo HUD, dato che noto che ancora una volta la vena dello scrittore ha avuto la meglio su di me.

So perfettamente di aver solo scalfito le potenzialità dello strumento e che moltissimo altro ci sarebbe da dire… per esempio è possibile fare in modo che le Stats assumano colori differenti a seconda del range, in modo che un giocatore solido appaia con le Stats in Rosso e un Fish in verde… ma per questo resto semplicemente a disposizione per qualsiasi domanda vogliate fare.

Vuoi saperne ancora di più su Holdem Manager? Consulta la nostra Argopage dove tutti i tuoi problemi saranno risolti!

BlackSaphire

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari