Thursday, Sep. 19, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 26 Set 2012

|

 

WSOPE Evento 2 – Bonavena ad un passo dal sogno, il braccialetto va a Esfandiari

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

WSOPE Evento 2 – Bonavena ad un passo dal sogno, il braccialetto va a Esfandiari

Area

Vuoi approfondire?

Ammettiamolo, ci avevamo davvero creduto e sperato fino alla fine. In questo secondo final table delle WSOPE in scena a Cannes la bandiera azzurra è stata molto vicina a sventolare di nuovo e con uno dei suoi rappresentati più quotati, unico italiano ad oggi ad aver vinto un EPT tanto da essere ormai soprannominato Mr.EPT, Salvatore Bonavena.

L’evento #2 delle WSOPE era un 1.100€ di Buyin che contava 626 player al via, e a cinque left il chipleader era proprio il nostro Bonavena che era riuscito pian piano a recuperare posizioni grazie ad una giornata particolarmente positiva (fino a quel momento).

Il Final Table di questo Evento #2 delle WSOPE di Cannes, poteva dunque essere assolutamente storico per il poker italiano e per il player calabrese ma il destino come ormai sapete, ha confermato che l’uomo dell’anno è certamente  Antonio Esfandiari. Mr.BigOne capace di vincere la più alta cifra mai messa in palio in un torneo di poker, 18 Milioni di Dollari (in un sol colpo).

Forse per merito della sua inseparabile maglietta con il numero “3” che per chi non se ne fosse accorto è la Stessa che indossava proprio durante il final table del torneo Big One Drop da 1 Milione di dollari di Buyin vinto alle WSOP di quest’anno. E poi dicono che la scaramanzia non serve.

La maglietta “scaramantica” di Antonio Esfandiari

Tornando al torneo di oggi, dopo i primi veloci eliminati, Bonavena sceglie il momento giusto per tirare fuori dal cilindro la giocata che non ti aspetti. Un bluffone proprio ai danni di Esfandiari. Salvatore prima flatta l’apertura di Bolleinger, poi pusha lo squeeze di Esfandiari costringendolo al fold e mostrando irriverentemente un 58 tanto per far capire che nel suo bagaglio c’è anche questo.

Uno show down però che non porta molto bene al nostro eroe, perchè se con quella giocata si era finalmente portato in vetta ai cinque rimasti in gioco, poco dopo spreca tutto in uno spot che gli costa quasi 2/3 del suo stack. Apre Salvatore da CO che viene 3bettato da Esfandiari sul BTN trovando il call dell’italiano. Poi un flop 9 9 4. Check di Salvatore per la Bet di Antonio a 78.000 e Raise di Salvatore per 200.000 (con dietro circa 150k). Esfandiari però decide per l’allin questa volta, e Bonavena dopo un lungo pensare decide per il fold nonostante il piatto sia ormai enorme.

Uno spot che sembra spostare di molto le sorti del match, ma come sappiamo Bonavena non è player da lasciarsi andare ed infatti poco dopo è proprio lui a trovare un raddoppio che lo rimette in gioco. Almeno quel tanto che basta per arrivare ai tre left, con Esfandiari e Bollangier però decisamente avanti. Lo shot per recuperare di nuovo è la “specialità” di Bonavena, un coin flip che a quanto si dice in giro Bonavena non può perdere.

E invece questa volta, una delle più importanti, lo perde. AJ per Salvo contro 66 e un Jack a faccetta sul flop. Ma proprio a fianco, il dealer gira anche un altro 6 che condanna (se così possiamo dire) Bonavena ad una terza piazza di tutto rispetto, anche se come tutti i Big player probabilmente a quel punto alla vittoria cominciava a crederci anche lui.

Esfandiari a quel punto parte avanti nell’HU finale che a dire il vero domina abbastanza agevolmente, seppur il primo “match point” (K3 di Antonio contro A8 di Bollengier che si vede prima sorpassato con K J Q al flop e poi di nuovo avanti con il miracoloso 10 sul river) finisce nelle mani del francese che si rimette in corsa. Ma è solo un attimo, Esfandiari riprende a macinare fino alla mano conclusiva (Q8 vs Q7 e doppia per Antonio) che gli consegna un premio di 126.207€.  Forse non molti se confrontati con i 18 Milioni vinti alle WSOP, ma che valgono anche un altro braccialetto iridato per Esfandiari che si conferma uno dei migliori player al mondo.

Per l’Italia e per Bonavena, le speranze sono soltanto rimandate, visto che sono ancora molti gli eventi di queste WSOPE che potrebbero valere una nuova pagina di storia del poker azzurro da scrivere.

WSOPE Evento #2 – 1.100€ Buyin (player 626 – montepremi 600.960€)

1° Antonio Esfandiari 126.207€ (Usa)
2° Remi Bollengier 78.059€ (Fra)
3° Salvatore Bonavena €57.059 (Ita)
4° Antonin Teisseire 42.356€ (Fra)
5° Valentin Detoc 31.869€ (Fra)
6° McLean Karr 24.309€ (Usa)
7° Ashly Butler 18.798€ (Usa)
8° Jamel Haddad 14.736€ (Fra)
9° Florian Ciuro 11.707€ (Fra)

Altri italiani a premio :
38° Marco Della Tommasina 2.344€
40° Bruno Tarcisio 2.344€
44° Antonino Venneri 2.344€
61° Marco Sportaiuolo 1.965€

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari