Monday, Jan. 20, 2020

Strategia

Scritto da:

|

il 28 Apr 2013

|

 

IPO 10 – “Jimmy, mi sono tuffato”

IPO 10 – “Jimmy, mi sono tuffato”

Area

Vuoi approfondire?

Ora che siamo arrivati al day 3 dell’Italian Poker Open, le presenze in sala a metà giornata sono ridotte ai migliori 150 del torneo. Il tavolo finale è ancora lontano, ma una prima conclusione la si può già trarre.

Questo IPO, per moltissimi regular dell’online, è stato il torneo dei “tuffi”. Ne è la prova il fatto che in sala, di volti noti dei tavoli delle poker room italiane, ne sono arrivati davvero pochissimi fino allo scoppio della bolla.

L’esempio più lampante è rappresentato dalla spewata preflop di Raffaele “Jezebel87” Bertolucci, che al day 2A ha deciso di mettere in mezzo al tavolo il suo corposo stack con una mano marginale come J4 offsuit, trovando ovviamente gli Assi in mano all’avversario che aveva 5-bettato.

E Bertolucci non è certo l’ultimo arrivato in ambito di tornei: i suoi risultati online parlano da soli, e dal vivo la sua carriera è arrivata all’apice con il secondo posto all’IPT Sanremo nel 2012, che gli è valso 115.000 €.

Come mai, allora, tanti regular degli MTT online hanno peccato di iperaggressività e si sono giocati il torneo in spot che, a posteriori, si possono oggettivamente contestare?

Il field dell’Italian Poker Open, rispetto a tornei dal buy-in più alto e dai numeri più ristretti, è certamente molto diverso. E forse, è una nostra ipotesi, chi è abituato a cliccare trova molto difficoltoso l’adjustment, l’adeguamento a questo tipo di torneo.

Le motivazioni possono essere le più varie: dalla noia del monotablare in un torneo dai ritmi piuttosto lenti, al sottostimare o sovrastimare le competenze (o magari la “nittezza“) di avversari che sono alle loro prime esperienze dal vivo, al genuino spirito di “andare per i massimi” e non di cercare la sopravvivenza fino alla zona bolla.

Ovviamente ci sono le eccezioni: tanti volti associabili a nickname noti hanno trovato l’eliminazione in cooler o coinflip non evitabili. E c’è anche Gianluca “Seven” Mattia che negli ultimi tempi sembra essersi adattato davvero molto bene al gioco live – tanto che subito dopo l’ITM alle PokerClub Live Series, lo ritroviamo a premio e con uno stack molto interessante anche in questo day 3 IPO.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari