Sunday, Oct. 20, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 7 Gen 2014

|

 

IPO13 – Day 4: non abbiamo il campione, heads-up tra Facciolongo e Caliumi!

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

IPO13 – Day 4: non abbiamo il campione, heads-up tra Facciolongo e Caliumi!

Area

Vuoi approfondire?

Il Day 4 dell’Italian Poker Open di Titanbet inizia giù dal palco, già allestito per il tavolo finale televisivo: mancano due eliminati al raggiungimento della diretta streaming e lo shuffle up & deal di giornata viene dato dal tournament director alle ore 14.

La giornata inizia con una discussione al tavolo: i meno esperti chiedono che il payout venga ‘spalmato’ in modo che gli step diventino meno ripidi, ma Bernaudo e Primerano vogliono evitare complicazioni e chiedono che il gioco vada avanti.

Il primo ad uscire, quindi, è Pietro Semeraro: decide di openpushare Q-10 suited ma trova coppia di donne… nessun miracolo sul board e 4.800€ incassati.

E’ poi un coinflip a determinare gli otto finalisti. Apre il boxeur Erittu da utg, pusha Adami da cutoff e l’original raiser chiama: la coppia di cinque regge fino al river contro A-Q dell’avversario. Nona posizione per Roberto Adami e 6.800€ in più nel bankroll.

Si sale sul palco, inizia la diretta streaming e i finalisti iniziano a puntare al bersaglio grosso dei 105.000€ del primo premio. Il gioco rallenta e le eliminazioni si susseguono piuttosto lentamente.

Sorprendente la prima eliminazione del final table ufficiale: non può nulla Antonio Bernaudo che esce in flip con Q-Q contro A-K di Stefano Facciolongo. Un K al turn fa svanire le speranze di vittoria del professionista campano che incassa 8.200€.

La cena stempera almeno per un’ora la tensione dei protagonisti e il primo a lasciare la scena al rientro è un altro dei favoriti: apre Caliumi, pusha Primerano da short e trova il call dell’avversario… K-8 < A-Q.  Un K al flop illude il giovane professionista, ma un asso al river rimette a posto le percentuali di partenza e Daniele incassa complimenti per il gioco espresso e 11.200€.

Al sesto posto esce poi Paolo Soriani che sbatte contro il rush inesorabile di Caliumi: pusha K-J ma i K-K dell’avversario non fanno altro che consegnargli 16.500€.

L’azione si fa più concitata, i bui alti erodono inesorabilmente gli stack, così abbiamo un altro player out: chiude al quinto posto Federico Asta, al suo primo live di rilievo, eliminato da Facciolongo in uno scontro preflop. Può dirsi soddisfatto della prestazione espressa e dei 22.000€ incassati.

Passano pochi minuti ed esce l’ultimo straniero in gioco, che si è fatto notare anche per un paio di ciabatte bianche costantemente utilizzate nelle lunghe ore di torneo. Khabat Jahany mette da small blind con A-2 e Caliumi, sempre ben fornito, ha vita facile nel chiamare con coppia di donne. Lo svizzero, comunque, fa suoi 32.000€ tondi tondi.

La fase three handed si fa calda e dopo alcuni minuti, ormai con uno stack risicato, esce Salvatore Erittu: la sua coppia di otto pushata preflop viene battuta da 9-5 off di Facciolongo, grazie ad un 9 comparso al flop. Sono 44.000 gli euro meritatamente incassati dal pugile.

Inizia così l’heads up tra Stefano ‘bubi’ Facciolongo e Christian Caliumi ma dato l’orario ormai tardo e una risoluzione del testa a testa non avvenuta in tempi brevi, i due contendenti ritorneranno al tavolo alle ore 17 per capire chi sarà il campione dell’IPO13.

Chipcount:

– Stefano Facciolongo   14.000.000

– Christian Caliumi   26.000.000

 

 

 

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari