Saturday, Jan. 18, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 7 Gen 2014

|

 

IPO 13 – Alla ripresa dell’heads-up Christian Caliumi si impone su Facciolongo in meno di un’ora

IPO 13 – Alla ripresa dell’heads-up Christian Caliumi si impone su Facciolongo in meno di un’ora

Area

Vuoi approfondire?

E’ il 30enne di Carpi Christian Caliumi il vincitore della tappa 13 Italian Poker Open per una moneta di 75.000 € dopo un deal che ha rispalmato il montepremi.

Dopo l’interruzione dell’heads-up ieri notte, resasi necessaria per l’ora tarda vista l’interminabile giornata di gioco, Caliumi ha regolato il rivale Stefano Facciolongo in neanche un’ora di gioco.

“E’ una grande gioia, da almeno un anno e mezzo frequento i circuiti low buy-in, qualche settimana fa ero arrivato secondo allo Shark Bay di Nova Gorica ma ancora mi mancava l’acuto decisivo – spiega a caldo il vincitore.

E pensare che nonostante partisse con il doppio dello stack dell’avversario, Caliumi si era accorciato in flip, chiamando con coppia di 4 l’allin di Facciolongo che girava A – T e trovava l’asso al flop.

“Piano piano sono risalito, poi è arrivato il colpo decisivo: rilancio coppia di re, Facciolongo pusha con A – 5, per fortuna il colpo regge!”

Christian racconta l’andamento del final table:

“Ieri alla partenza del tavolo televisivo ero il più short, o comunque il penultimo in chips. Non avevo molto margine di manovra, mi sono preso dei rischi in due mani, una squeezando e l’altra con 43 contro Primerano, sono risalito a più di un milione e mezzo, non in average ma comunque con uno stack che mi permetteva di giocare. Sono salito piano piano uncontested, poi ho eliminato uno short KK>KJ. Ho perso un flip AQ<77 che trova un sette river, ma per fortuna la mano successiva risalgo con AKs>TT. Dopo quel colpo ho fatto chips uncontested, o comunque mettendo sempre da sopra. A tre left ho aspettato che gli altri si accoltellassero”

Col bankroll rimpinguato da questa bella vittoria, il 30enne conferma che d’ora in avanti non frequenterà più solamente i circuiti low buy-in:

“Ho giocato un IPT a Nova Gorica, mi sono trovato molto bene anche se il field era davvero tosto. Il day1 avevo al tavolo Bonavena, Minieri e Sammartino, al day 2 Drammis, Pescatori e Trebbi. Sceglierò le tappe a cui partecipare in base alla comodità della location. Per il momento però non penso agli EPT: anche se questa è una bella vittoria, non ho ancora il bankroll adeguato. Dovesse andare bene un IPT ne riparleremo”

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari