Monday, Aug. 15, 2022

Poker Live

Scritto da:

|

il 14 Lug 2018

|

 

WSOP Main Event – Miles, Cynn e Dyer per il braccialetto, Joe Cada chiude 5°

WSOP Main Event – Miles, Cynn e Dyer per il braccialetto, Joe Cada chiude 5°

Area

Vuoi approfondire?

Joe Cada abbandona i sogni di back to back, Tony Miles (foto copertina) mette una seria ipoteca sul braccialetto: è questo il sunto del Day9 del Main Event WSOP, la seconda parte del final table più prestigioso al mondo.

In questo 6-max della vita, il primo ad alzare bandiera bianca è Aram Zobian, che dopo sole 4 mani di gioco (la 75° da inizio Final Table) openshova da small blind 17x con 68, ma è dominato dall’A-8 di Michael Dyer, che dovendo investire appena un decimo del suo stack, non può esimersi dal chiamare.

Il board QK2 7 10 sancisce la fine della corsa per Zobian che saluta tutti e se ne torna a casa con 1.800.000$.

A questo punto il count vede Dyer saldamente in testa, seguito da Miles e Manion. Cynn e Cada necessitano invece di un 2-up per tornare in partita. Il primo a provarci è il Former Champion 2009: open a 2.200.000 da Utg, tribet 6.900.000 per Miles da bottone, all-in 47.000.000, tank-call. Allo showdown coppia di 10 per Cada, A-K per Miles.

Il flop: K89 fa esplodere la curva di Tony. La Q regala qualche outs extra a Joe, ma il 9 river non gli permette di migliorare: Cada, che nel 2009 era riuscito a settare per ben 2 volte in all-in pre al final table, soccombe in questo lancio di moneta chiudendo questa incredibile cavalcata al 5° posto per 2.150.000$.

A 4 left tocca dunque a Cynn cercare di risalire la china e moltiplicare il suo stack. E a differenza di Joe, John ci riesce grazie anche alla complicità di Nicolas Manion che s’inventa un bluff di puro braccio con un timing decisamente sbagliato: open di Cynn da bottone con 10J, call per Manion da big blind con QJ.

Su flop 269, Manion donka 3.000.000, Cynn chiama. 2 turn, Manion betta ancora: 5.500.000. Nuovo call per Cynn. Il river è un A su cui Nicolas decide di andare all-in, Cynn snappa. Manion mostra il bluff e diventa short stack.

Rimasto con appena 20bb, Manion riesce però a trovare a sua volta il raddoppio grazie a un coin flip contro Miles: 7-7 > A-K su 424 8 10.

A questo punto è Tony Miles a salire in cattedra: grazie a una serie di spot in serie, strappa la chipleading a Dyer che scende ulteriormente call/muckando river su una vale di Cynn.

Alla mano #192, Dyer diventa ufficialmente lo short stack del tavolo concedendo un nuovo raddoppio a Manion, che dopo aver difeso con 57 da big blind, donk-shova flop 3x pot su JQ8. Dyer snappa con KQ ma un 2 al turn regala il colore a Nicolas.

La situazione, a questo punto, vede Tony Miles sempre più in fuga (over 250.000.000 a T1.600.000) e gli altri tre contendenti tutti intorno ai 20 e 40bb.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Tra questi è proprio John Cynn a sembrare il più in palla di tutti: grazie a una costante pressione è l’unico a riuscire a riemergere dalle sabbie mobili del count. Ed è lui a porre fine al Day: open da bottone a 3.200.000, snap shove 15x per Nicolas Manion da big con A10, snap call per Cynn con KK.

6Q3 2 6.

Manion, chipleader a inizio final table, chiude al quarto posto per 2.800.000$.

Miles, Cynn e Dyer si giocheranno domani notte il titolo di campione del mondo.

Chipcount

Tony Miles – 238,900,000
John Cynn – 128,700,000
Michael Dyer – 26,200,000

Payout

1° – 8.800.000$
2° – 5.000.000$
3° – 3.750.000$

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari