Monday, Dec. 11, 2017

Storie

Scritto da:

|

il 10 Ago 2017

|

 

“durrrr mi ha pagato 700k in penalità!” Per Daniel Cates la sfida HU contro Tom Dwan finirà nel 2018

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

“durrrr mi ha pagato 700k in penalità!” Per Daniel Cates la sfida HU contro Tom Dwan finirà nel 2018

Area

Vuoi approfondire?

La sfida più lunga della storia del poker, a oggi ancora incompiuta, terminerà entro la fine del 2018.

Daniel ‘jungleman12’ Cates si è mostrato sicuro al riguardo parlando in un podcast di Doug Polk del Challenge iniziato nel 2010 su Full Tilt contro Tom ‘durrr’ Dwan e poi messo in stand-by dopo il Black Friday e 20.000 mani giocate.

Ma l’ uomo della giungla è andato oltre: Cates ha infatti raccontato di aver ricevuto a oggi tra i 700.000$ e gli 800.000$ da Dwan, come penalità per la situazione di stallo della sfida.

Alla luce di queste parole, dunque, sono decisamente da rivalutare le accuse piovute nel tempo da più parti all’indirizzo di ‘durrrr’ di non voler portare a termine la sfida e di aver ‘scammato’ Cates (questa lanciata proprio da Doug Polk).

Tra l’altro negli ultimi tempi Dwan è stato oggetto di un’altra accusa su un presunto scam da parte dello scommettitore Haralbous Voulgaris.

Ma almeno per quanto riguarda il Challenge, secondo Daniel Cates ‘durrrr’ ha mantenuto gli impegni presi e sarebbe adesso pronto a giocare le ultime 30.000 mani pattuite.

durrr challenge grafico

Al momento a Dwan la sfida contro Cates sta costando una perdita di circa due milioni di dollari: 1,2 milioni è l’ammontare perso nelle prime 20.000 mani di heads-up, cui si aggiungono le penalità pagate a Cates per i ritardi.

Non sono pochi a credere che oggi come oggi per Dwan possa essere più conveniente pagare la penalità che terminare la sfida.

Negli ultimi sette anni, ovvero dalla prima mano giocata delle 50.000 totali del Challenge, Tom ‘durrrr’ Dwan si è infatti dedicato perlopiù a partite cash live High-Stakes contro avversari tutto sommato ‘morbidi’, soprattutto in quel di Macao.

Cates invece ha continuato a macinare mani online contro i più forti heads-uppisti del mondo, e il suo edge sarebbe oggi dunque notevolmente superiore rispetto a un tempo.

Ma a quanto pare Dwan la pensa diversamente, e dopo anni di attesa sembra finalmente voler portare a compimento quanto iniziato.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari