Saturday, Dec. 20, 2014

Strumenti

Scritto da:

|

il 27 mar 2012

|

con 3 Like

Recensione Poker Tracker 4 Beta

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Recensione Poker Tracker 4 Beta

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Gli sviluppatori di Poker Tracker hanno deciso di fare le cose in grande per lo sviluppo della quarta edizione del loro software, dando la possibilità a tutti gli utenti di provare la Beta Version di PT4. Noi l’abbiamo scaricata e testata per i lettori di ItaliaPokerClub: ecco le prime impressioni che ci ha dato, e i dovuti confronti col diretto concorrente, Holdem Manager 2.

Iniziamo con alcune doverose precisazioni: la Beta Version di PT4 è disponibile soltanto su piattaforma Windows, ma quando il software sarà ufficialmente rilasciato sarà disponibile anche la versione per Mac OS X, per la gioia di tutti i grinder di Apple. Il prezzo di Poker Tracker 4 non è stato ancora reso noto, ma dovrebbe grosso modo essere comparabile a quello della versione precedente: 90 $ per la versione completa (Hold’em o Omaha), 50 $ per la versione Micro Stakes (fino al NL25 e ai tornei da 11$) e 150 $ per il pacchetto combinato Hold’em + Omaha.

INSTALLAZIONE E PRIMI PASSI

L’installazione di PT4 e dell’annesso database Postgres è davvero immediata e, almeno nel nostro caso, non ha presentato alcun problema, svolgendosi con ottima velocità. Al primo avvio del programma ci viene presentato il classico configuratore automatico “wizard” che, analizzando il disco fisso per trovare le nostre hand history, ci permette subito di selezionare le opzioni per ogni singolo circuito in cui giochiamo, incluso il posto preferito impostato sul client della room. Queste opzioni potranno ovviamente essere cambiate in seguito.

Si procede poi all’importazione delle hand history, direttamente da disco fisso o addirittura dal database di HEM/HEM2. L’import avviene con buona velocità, comparabile a quella con cui vengono importate le mani in Holdem Manager 2.

Concluse le operazioni preliminari, si entra nel vivo con l’apertura della schermata di PT4. Il programma si apre su una finestra chiamata “Community“, che per il momento è inattiva dato che il programma è ancora in fase Beta, ma conterrà probabilmente le news e le opzioni “social” del programma. Se non si desidera visualizzarla, è comunque possibile spuntare una casellina in basso e non visualizzarla più all’avvio.

STATISTICHE

Passando alla scheda “View Stats” si consultano le statistiche e i grafici: sulla sinistra si seleziona il nickname e il circuito. Il classico “switch” che recita $/T ci permette di cambiare tra le mani di Cash Game e le mani dei tornei MTT e SNG. Una pagina chiamata “Results” permette di visualizzare i risultati, divisi per stake, per posizione, per sessione o per data, mentre volendo indagare più a fondo la scheda “Statistics” ci permette di visualizzare tutte le caratteristiche del nostro gioco. Sono già predisposti due layout chiamati “Basic” e “Advanced”, il primo che contiene poche statistiche essenziali, il secondo che ne mostra moltissime, e se ne possono aggiungere o togliere a piacere.

Da qui è possibile visualizzare poi le singole mani giocate, con la possibilità di rivederle in formato testuale o attraverso un comodo replayer, che permette anche di esportarle in formato video e addirittura caricarle automaticamente sul proprio canale di Youtube.

La scheda “Graphs” ci mostra, ovviamente, il grafico delle nostre mani: un piccolo grafico della sola linea del profitto era presente già nelle schede precedenti, ma qui prende tutta la schermata ed è customizzabile a piacere. L’elaborazione è sorprendentemente veloce, anche su campioni di mani non piccoli, e il grafico è chiaro e leggibile.

Grafico Cash Game di Poker Tracker 4

Sia per le statistiche che per i grafici è possibile filtrare il database di mani, e qui si vede l’ottimo lavoro degli sviluppatori di Poker Tracker. I filtri “basilari” come data, tipo di gioco e stake sono immediatamente accessibili da menu a tendina; si può poi impostare qualunque combinazione delle centinaia di altri filtri attraverso una schermata dall’usabilità davvero ottima, con la possibilità di raffinare la ricerca in pochissimo tempo. Le combinazioni preferite di filtri si possono salvare e richiamare attraverso il menu dei “Quick Filters”.

HUD

Altro punto realmente vincente di questa nuova release di Poker Tracker: la configurazione dell’HUD. La scelta delle statistiche da inserire, del layout grafico, dei colori e di tutte le opzioni per le singole stats avviene attraverso un’utility davvero immediata, e si può costruire un HUD funzionale in pochissimo tempo. La stessa utility ci permette, con la medesima immediatezza, di costruire i popup, vero “cuore” dell’utilizzo dell’HUD da parte dei giocatori più esperti: anche qui si tratta di una procedura molto rapida e funzionale.

Il comodo HUD Editor di PT4

“In Game” l’HUD si rivela perfettamente utilizzabile, popup compresi: basta selezionare la scheda “Play Poker” e cliccare su “Get Hands While Playing” per farlo partire. Sulle varie room il programma ha sempre “indovinato” il posizionamento di ogni giocatore grazie alle impostazioni di posto preferito selezionate al momento del primo avvio. Cliccando su una piccola icona con il logo di PT4 al di sopra di ogni tavolo è possibile visualizzare le varie opzioni, tra cui la gestione del layout, il posizionamento dell’HUD  e la scelta tra quale delle varie configurazioni salvate utilizzare. Anche spingendo il multitabling il programma continua ad essere scattante e non fa lavorare eccessivamente il computer.

CONCLUSIONI

Di solito non diamo giudizi prima del tempo, ma questo Poker Tracker 4 si sta rivelando decisamente fantastico. L’unico neo che gli si può trovare è il prezzo un po’ elevato (la versione Micro Stakes, che arriva solo al NL25, non è sufficiente per la maggior parte dei grinder) ma in tutti gli altri ambiti il nostro giudizio è davvero positivo.

Il confronto con Holdem Manager 2, poi, appare addirittura impietoso: questa Beta di PT4 è oggettivamente superiore a HM2 sotto moltissimi punti di vista, inclusi quelli più importanti come usabilità, comodità, leggerezza e velocità. I numerosi problemi che affliggono la nuova versione di Holdem Manager, e che hanno purtroppo fatto tornare indietro molti utenti che hanno ricominciato a usare la vecchia versione, qui sembrano non esistere assolutamente.

Il replayer di PT4 che mostra anche l’HUD

Articoli correlati

Diventa nostro fan su Facebook, e ricevi i nostri aggiornamenti!

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari