Friday, Mar. 22, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 27 Apr 2015

|

 

Federico Cirillo, grinder dalla Germania: “‘RuiDeck’ ingenuo, io ho qualche intoppo con Winamax!”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Federico Cirillo, grinder dalla Germania: “‘RuiDeck’ ingenuo, io ho qualche intoppo con Winamax!”

Area

Vuoi approfondire?

E’ la notizia che sta tenendo banco da giorni.

La storia del siciliano ‘RuiDeck‘, ragazzo italiano residente in Germania, che si è visto bloccare dalla propria banca il cash-out da 40.000€ effettuato dopo una vincita su PokerStars dot eu, è sulla bocca di tutti.

Nel pomeriggio abbiamo provato a contattare un altro grinder azzurro residente in Germania, che i giorni scorsi, sulla nostra pagina Facebook, aveva scritto di aver avuto anche lui qualche problema con i cashout su conto corrente bancario.

Federico Cirillo, baby grinder azzurro residente a Sassenberg, ci ha prontamente detto la sua su questa vicenda:

“Credo che ‘Ruideck’ sia stato un po’ ingenuo. Prima di prelevare una cifra così alta, credo sia necessario conoscere per filo e per segno quel che prevede la legislazione della propria regione in merito. Ovviamente esprimo tutta la mia solidarietà nei suoi confronti: non immagino pensare cosa vorrebbe dire aver bloccata una cifra del genere!”

Per quel che concerne PokerStars, Federico rivela infatti di non aver mai avuto alcun problema di sorta:

“Sì, con la picca rossa mai avuto problemi. Questo potrebbe dipendere da molti fattori: in primo luogo in Germania la legislazione sui giochi online, oltre ad essere poco chiara, cambia di länder in länder, e qui in Vestfalia potrebbe essere più ‘permissiva’… In secondo luogo, probabilmente, penso che la causa del diniego imposto dalla banca sia dovuto alla entità della cifra in ballo. Io ho sempre effettuato prelievi di 2.000/3.000€, e né con PokerStars dot eu né con la banca ho mai avuto alcun intoppo.”

Eppure, da qualche settimana, anche Federico è incappato una situazione simile – ma certamente meno drammatica – a quella del collega siciliano:

“Ho una richiesta di prelievo in sospeso con Winamax e non capisco perché mi sia stata bloccata. Ma in questo caso credo sia un problema esclusivamente legato alla poker room e non alla banca. Dalla Germania ho giocato diverse volte su PokerStars.fr e non ho riscontrato alcun genere di ritardo nei prelievi. Al momento sono in Italia e tornerò a Sassenberg solamente tra qualche settimana. Una volta rientrato alla base cercherò di capire meglio cosa sta succedendo. Innanzitutto andrò a parlare con la mia banca per capire se sia un problema loro o meno. Ad ogni modo, dopo la storia di “RuiDeck”, sono un po’ intimorito anche io e cercherò d’informarmi nel dettaglio per capire cosa prevede la legge del mio länder sul gioco online!”

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari