Saturday, Oct. 23, 2021

Poker Live

Scritto da:

|

il 17 Mar 2016

|

 

Christian Scalzi esalta il WPTN di Sanremo: “Faremo meglio del 2015, sarà presente anche Kanit…”

Christian Scalzi esalta il WPTN di Sanremo: “Faremo meglio del 2015, sarà presente anche Kanit…”

Area

Vuoi approfondire?

Si avvicina l’appuntamento con uno degli eventi primaverili più importanti in Italia, ovvero la tappa di Sanremo del World Poker Tour da 200.000€ garantiti, che si svolgerà dal 21 al 25 aprile prossimi.

La data, almeno potenzialmente, è perfetta per attrarre i giocatori, visto che subito dopo partirà l’EPT Grand Final di Montecarlo, comodamente raggiungibile dalla località ligure.

Chi ‘giocherà’ in casa è Christian Scalzi, che dirigerà l’evento e si augura, com’è naturale, che lo stesso riscuota un ottimo successo, seguendo le orme dello scorso anno.

Lo abbiamo intervistato questa mattina, poche ore prima del Day 2 del WPT di Vienna in cui è impegnato anche il nostro Mustapha Kanit, autore di un Day 1 buonissimo.

 

IPC: Christian, tra poco più di un mese giocherai in casa col WPTN di Sanremo. Quali attese hai per questo evento? C’è, invece, qualcosa che ti spaventa?

Christian Scalzi: Mi fa sempre molto piacere lavorare nella mia città, sono piuttosto sciovinista. Sto cercando di prepararmi al meglio, come ho fatto lo scorso anno. La situazione allora però era diversa, perché per un’empasse del casinò non venne offerto poker per sei mesi e le 364 entries, dunque, furono un ottimo risultato. La volontà, quindi, è di fare ancor meglio. Non ho particolari timori, solo che tenendoci molto, speri che tutto fili per il verso giusto…

IPC: Il periodo sembrerebbe essere ottimale, nel bel mezzo della primavera: il WPT si è posto un obiettivo numerico più o meno preciso? Quanto è importante fissare un garantito per un torneo del genere?

C.S.: Rivolgo l’invito a tutti i giocatori, perché a Sanremo con lo sbocciare della primavera si può approfittare del mare e della nostra splendida pista ciclabile, la più lunga (30 km) vista mare in tutta Europa. Confidando nel clima favorevole, poi, si potrebbe addirittura fare il bagno. I 200.000€ di montepremi sono importanti, ringraziamo per questo anche Tilt Events di Ruscalla, e sono convinto che ci sarà la possibilità di batterlo abbastanza agevolmente. Ai player, comunque, è un qualcosa che fa sempre piacere.

IPC: Quali credi siano i punti di forza del circuito che dirigi? Perché un player dovrebbe scegliere il WPT piuttosto che un altro torneo?

C.S.: Il WPT in Italia ha sempre riscosso un ottimo successo, come avvenne lo scorso anno in un momento particolare, in pieno periodo WSOP. Siamo riusciti a fidelizzare molti clienti, ai quali piace la nostra struttura e le nostre location. Abbiamo ricevuto già la conferma di tanti player stranieri, questo ci fa capire che la nostra è diventata una tappa di riferimento nonostante l’abbassamento del buy-in a 990€. Cifra che, tra l’altro, può attrarre anche giocatori non professionisti.

IPC: Quali sono i punti di forza della struttura? In questo 2016 sono stati apportati dei cambiamenti significativi?

C.S.: E’ particolarmente apprezzata, perché si giocano 9/10 livelli da 40 minuti nel Day 1 e si passa a un’ora nel Day 2, questo permette di giocare deep la seconda giornata e arrivare alle fasi salienti del torneo, soprattutto in zona bolla (solitamente arriva tra il 17° e il 18° livello), con almeno 40 blind di average. Tenendo la struttura, il gioco di conseguenza è adeguato per questo tipo di manifestazioni.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

IPC: Hai già dei nomi importanti in mano? I top player fungono da attrattiva per i dilettanti oppure ne sono spaventati?

C.S.: Dovrebbero esserci Mustapha Kanit e Dario Sammartino, che si stanno facendo apprezzare ovunque, poi mi è arrivata la conferma da parte del forte lituano Matas Cimbolas, vincitore del WPT britannico. Sarà presente anche il November Nine belga Pierre Neuville e molti, qui a Vienna, mi stanno chiedendo informazioni su Sanremo. Gli amatori hanno l’aspettativa, quando sono presenti tanti top player, di affrontarne almeno uno al tavolo.

bresca

Piazza Bresca, Sanremo

 

IPC: Il buy-in del Main Event è di 990€. E’ un buon compromesso stando alla situazione del poker live italiano dove, a quanto pare, non ci sono i soldi di un tempo?

C.S.: In Italia mancano tornei dal buy-in più alto, secondo me però è necessario arrivarci per gradi. Un buy-in da 990€ rappresenta un buon compromesso, che può attrarre sia i professionisti sia gli amatori che hanno una buona disponibilità economica. Ci sarà anche l’high roller da 2.200€, sperando che funga da warm-up per i player più forti prima che si lancino nei successivi tornei.

IPC: Sei ligure e conosci bene Sanremo: cosa consigli di fare in città? Si sa, le cene sono un pallino fisso dei pokeristi in trasferta… quali locali ti senti di consigliare a chi verrà a trovarti?

C.S.: Vivendo qua, posso dirti che ci sono molti locali che meritano. Dunque consiglio i ristoranti ‘Mare Blu’ di Angelo (4 stelle su 5 su Tripadvisor), ‘Flipper’ di Libero sul porto (4,5 stelle su 5 su Tripadvisor). Da non dimenticare poi il ‘Bar Astra’, di proprietà della mia famiglia, che si trova molto vicino al casinò. Interessante fare un salto in piazza Bresca, zona della ‘movida’ anche durante del Festival.

 

Scopri tutti gli eventi in programma nella settimana sanremese del World Poker Tour National del prossimo aprile!

 

Foto copertina di: Alin Ivanov

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari