Sunday, Oct. 17, 2021

Storie

Scritto da:

|

il 17 Mar 2016

|

 

“Il mio sogno? Che il poker sia riconosciuto come skill game!” Intervista esclusiva a Musta dopo lo shippo del Million dot com

“Il mio sogno? Che il poker sia riconosciuto come skill game!” Intervista esclusiva a Musta dopo lo shippo del Million dot com

Area

Mentre era impegnato a lasciare il segno al WPT Vienna, ‘The Boss’ Mustapha Kanit ha risposto alle domande che gli abbiamo inviato i giorni scorsi per celebrare l’incredibile shippo del Million dot com a una settimana di distanza da quello del Sunday Supersonic.

Per iniziare, abbiamo cercato di capire quali siano le abitudini online di Musta oggi. Logicamente, vista l’incredibile serie di risultati live, sono cambiate rispetto a qualche tempo fa:

“E’ da un anno e mezzo che tablo poco e cerco di grindare con più focus possibile. 55$ è il buy in più basso che apro, però dipende dalle sessioni. Alcune volte può essere 109$, oppure 215$ in caso. Di domenica SCOOP o High Roller, mi piace molto la competizione e il gioco”.

Musta spiega che domenica notte ha monotablato il tavolo finale del Million ma di aver tenuto alla larga brutti pensieri: nel mirino aveva solamente la vittoria.

“Avevo solo un tavolo perché il Million va molto lungo… Se ci sono stati dei momenti in cui ho pensato che non potevo vincere? No. Cerco sempre di essere molto positivo, e non penso mai di non riuscire”.

Parole che trasudano una estrema convinzione nei propri mezzi, da scolpire nel granito e far leggere ai tanti ‘whiner’ che affrontano il gioco tra una lacrima e un lamento.

A riprova di quale dovrebbe essere il mind-set del provetto poker player, Musta racconta così la vera e propria svolta della sua carriera pokeristica:

“La svolta è stata sicuramente quando mi sono confrontato col field dot com e ho grindato/studiato tantissimo.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Dopo aver raggiunto l’Olimpo delle due carte, a oggi Musta è rimasto un solo sogno nel cassetto poker-related:

“Ho solo quello che il poker venga riconosciuto come skill game/ sport e che ognuno sia libero di poter giocare da ovunque con la possibilità di confrontarsi con chiunque”.

Prima di salutarci Musta ci dà una anticipazione sulla imminente Global Poker League in cui difenderà i colori dei Rome Emperors assieme al manager Max e agli amici Dario, Walter e Timothy.

“Ho un approccio ludico, voglio divertirmi e vincere col Mio team, siamo affiatati e possiamo fare bene!”

Kanit ha anche le idee chiare sugli altri team:

“Rispettiamo tutti ma credo che ce la possiamo giocare bene con tutti i Team. Degli altri mi piacciono New York e Los Angeles ma anche Mosca è davvero solida!”

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari