Thursday, Apr. 18, 2019

Poker Online

Scritto da:

|

il 7 Dic 2017

|

 

Simone Speranza squalo al cash game, +€25.000 in 80.000 mani: “In un mese ho vinto l’atteso annuo di un reg mtt!”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Simone Speranza squalo al cash game, +€25.000 in 80.000 mani: “In un mese ho vinto l’atteso annuo di un reg mtt!”

Area

Vuoi approfondire?

Dopo Rino ‘pocho.i1988’ Fusco, anche lo specialista mtt e campione IPO22 Simone ‘spera91’ Speranza ha deciso di abbinare ai tornei il grinding dei tavoli cash game.

I risultati hanno dato immediatamente ragione a Simone: in un post pubblicato dal diretto interessato sui social, è possibile vedere un grafico da ben €25.000 di profit in sole 80.000 mani!

Lo stesso ‘spera91’ ha aggiunto: “In 80k mani, ovvero il lavoro di un mese per un regular cash game, ho vinto il guadagno atteso annuo di un qualsiasi reg medio di mtt. Continuate ad haterare in chat. Ancora.”

Qual è stata dunque la vera motivazione che ha spinto Simone verso la nuova disciplina? Scopriamo insieme tutti i dettagli della sua decisione.

Il grafico cash game di ‘spera91’

M: Com’è nata l’idea di grindare per 80k mani i tavoli cash? Quali sono stati i livelli che hai giocato?

S: L’idea è nata grazie allo studio che sto facendo nell’ultimo anno e mezzo sul post flop; ho pensato e deciso che l’unica disciplina che potesse accompagnare tale studio fosse il cash game. In realtà il piano era di fare molte più mani, ma le troppe cose da fare non me l’hanno permesso. Ho giocato dal NL200 in su, prevalentemente 6max ma anche heads up. Ho gestito mediamente 6 tavoli in contemporanea perché il traffico non è dei migliori.

M: Nel tuo post si legge “Continuate ad haterare in chat”. Qual è stato il vero motivo che ti ha spinto verso questa nuova disciplina?

S: Oltre al lavoro finalizzato soprattutto sul miglioramento del mio gioco post flop, come già detto prima, uno degli obiettivi del post era di mandare un messaggio a quei reg che nel pieno della frustrazione haterano e mi contattano non rendendosi conto che il loro gioco è superato. Questi players non possono sperare di avere un guadagno atteso annuo più alto rispetto al profit raggiunto in queste 80k mani. Purtroppo, la disciplina mtt è piena di meteore, giocatori con ROI irreali nel breve periodo che da un giorno all’altro spariscono! Tutto regolare: tanto sta anche nella scelta del coach e dalle persone che seguono e condividono la nostra crescita.

M: Cosa pensi del field che hai affrontato? Pensi sia ancora possibile avere un atteso importante grindando cash game?

S: Penso che il field sia abbordabile! Tutti i regular mtt dovrebbero avvicinarsi al cash per limare il proprio gioco, soprattutto ai limiti alti, dove il livello di pensiero è più profondo. Sono pochi i giocatori cash game in grado di trovare i giusti adjustment per i torneisti, vedi ‘nibiru933’ che sta distruggendo gli high stakes! Dato il guadagno atteso annuo non molto alto che può avere oggi un giocatore mtt, penso non ci sia scelta migliore: per raddoppiare il proprio atteso bisogna grindare cash game!

M: Vedremo più spesso ‘spera91’ ai tavoli cash dopo questo risultato?

S: Con la liquidità condivisa farò mille altre valutazioni in base a come si evolveranno i due movimenti. Per ora il mio main game sono i tornei, anche perché sarò impegnato in molti live importanti. In ogni caso, il cash game avrà sempre un ruolo molto importante nella mia crescita.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari