Friday, Apr. 23, 2021

Storie

Scritto da:

|

il 25 Feb 2021

|

 

Una vittoria sentita e sul velluto: Matteo Calzoni racconta il sigillo Carnival Series

Una vittoria sentita e sul velluto: Matteo Calzoni racconta il sigillo Carnival Series

Area

Vuoi approfondire?

La gioia di un successo a un bel torneo di poker online ha una funzione livellatrice: che tu sia un professionista, un regular di lungo corso o un giocatore amatoriale, mettere alle spalle tutti gli avversari regala emozioni che possono andare ben oltre il mero dato economico.

Per esempio Matteo Calzoni ha esultato non poco lunedì notte, su PokerStars, per il primo posto al 50€ GigaStack Carnival Series, nonostante la sua bacheca personale sia già piena di titoli prestigiosi.

“Non ricordo di preciso tutti i major che ho vinto ma se non erro, tolto il Million e i vari Main Event ICOOP, SCOOP eccetera credo di averli vinti almeno una volta più o meno tutti: Sunday Special (ndr, Matteo ebbe la meglio in un tre left durissimo con Emiliano Conti e Nicola Cappellesso), Explosive, Evening, Gran Domenica, El Dorado…”

Il romano spiega perchè teneva particolarmente a vincere l’evento delle Carnival:

“Venivo dai runner-up delle Winter Series che mi avevano lasciato un po’ di amaro in bocca. Inoltre sono in un buon momento e dare continuità di risultati aiuta ad acquisire consapevolezza nei propri mezzi.”

 

Il racconto del torneo

Il cammino di Matteo ha avuto una battuta d’arresto per una blind war in cui ha lasciato buona parte dello stack, ma proseguire con pazienza ha dato i suoi frutti:

“Il torneo è filato abbastanza liscio, sono stato sicuramente fortunato nel redraw dei tavoli, mai difficili. 36 left avevo preso la leading, poi un cooler in blind war, in cui ho perso più di un terzo dello stack, ha leggermente complicato le cose: da big blind decido di checkare 9-2o su complete di small blind, poi su A-2-9ss 3bet/shovo il check/raise del mio avversario per 35x effettivi, trovandolo con A-2. Sono risalito piano piano uncontested riportandomi chipleader a dieci left.”

 

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Quando la vittoria arriva sul tappeto rosso

Tornato chipleader Calzoni si è poi accorciato di nuovo, ma da un certo punto in poi la sua vittoria sembrava segnata:

“La bolla final table è durata oltre un’ora e un quarto e ad un certo punto ho perso un coinflip e due 70-30 e mi sono ritrovato settimo di dieci. Fortunatamente sono riuscito a riprendermi e ad approdare al final table da chipleader. 6 left un ‘fantacooler’ in blind war contro il secondo in chips mi ha davvero spianato la strada A-A>K-K per un pot da tipo 90bb. In quel momento ho pensato che il torneo avrei potuto soltanto perderlo io.” Non lo ha fatto.

 

I progetti pokeristici

Matteo spiega che  prima della pandemia era sul punto di trasferirsi all’estero per allargare i suoi orizzonti pokeristici:

“Stavo già pianificando di spostarmi ma vista la situazione attuale mondiale ho dovuto per forza di cose rimandare alcuni progetti. D’altro canto noi pokeristi possiamo ritenerci abbastanza fortunati dato che stiamo vivendo una sorta di ‘mini.com’ sul punto it, quindi per ora va più o meno bene cosi. Appena riparte tutto ho intenzione di iniziare a frequentare il circuito live con maggiore frequenza.”

Cosa è importante per diventare bravi

Prima di salutare Matteo, gli chiediamo qualche dritta per i nuovi giocatori di poker:

“Non me la sento troppo di ergermi a dispensatore di consigli, anche perché non è detto che la formula da me trovata adattata ad un altro funzioni allo stesso modo – precisa Calzoni prima di proseguire – Sicuramente avere l’umiltà di imparare dai più forti è una dote importante. Io sono autodidatta ma ho sempre cercato di “rubacchiare” da quelli che ritenevo crushassero il livello, e non intendo necessariamente dal punto di vista del profitto, che molto spesso è fuorviante e influenzato dagli shot. Approcciarsi oggi al poker è sicuramente difficile, e non credo sia per tutti. Tuttavia con la giusta applicazione e una buona dose di talento è ancora possibile farlo ad ottimi livelli, e lo dimostrano i numeri che stanno facendo i ragazzi della nuova scuola, più giovani di me.”

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari