Ray Bitar, tra la vita e la morte, patteggia con la giustizia americana! | Italiapokerclub

Sunday, Apr. 5, 2020

Storie

Scritto da:

|

il 17 Apr 2013

|

 

Ray Bitar, tra la vita e la morte, patteggia con la giustizia americana!

Ray Bitar, tra la vita e la morte, patteggia con la giustizia americana!

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

A due anni dallo scoppio del “Black Friday” del poker online, i pezzi del puzzle, poco alla volta, stanno tornando al proprio posto: anche Ray Bitar, fondatore di Full Tilt Poker, ha trovato un accordo con la giustizia americana.

Secondo quanto scritto dal “Wall Street Journal”, l’ex capo di FTP dovrà versare una cifra di 40 milioni di dollari in cambio della libertà.

Dopo il blocco forzato alle poker room, i “conto gioco” dei giocatori furono congelati (FTP ha iniziato a rimborsare in alcune nazioni, ma gli Italiani sono ancora in attesa) per un totale, stimato sempre dal Wall Street Journal, di circa 300 milioni di dollari.

Successivamente, Bitar prima scappa in Irlanda e poi si consegna alla polizia, ma ritrova la libertà pagando una cauzione di 2,5 milioni di dollari.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Ora sembra essere arrivata la definitva conclusione di questa vicenda. Con il pagamento dei 40 milioni, Bitar non tornerà più in carcere anche perché gli è stata diagnosticata una gravissima insufficienza cardiaca: secondo i medici, senza le dovute cure, Bitar avrebbe soltanto pochi mesi di vita.

Così il giudice ha accettato il patteggiamento per permettere all’ex boss di FTP di poter iniziare le cure necessarie che in carcere non avrebbe potuto sostenere.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari