Sunday, Oct. 20, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 8 Nov 2013

|

 

Jay Farber: “Ora mi compro una Ferrari”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Jay Farber: “Ora mi compro una Ferrari”

Area

Vuoi approfondire?

E’ arrivato il momento di fare shopping. Dopo il Final Table del Main Event WSOP e, soprattutto, dopo aver saputo quante tasse dovrà pagare ciascuno al proprio Fisco, i November Nine possono iniziare a pensare agli sfizi da togliersi con i soldi vinti. Ci sono alcuni come Jay Farber che non ci hanno messo troppo a fare la lista.

Ora mi compro una Ferrari e una casa, e a mio padre regalo una Aston Martin. Ripreso dalle telecamere di una televisione americana, il runner-up del Main WSOP rispondeva così alle domande dei giornalisti, che gli chiedevano alcuni dettagli sul Final Table e soprattutto sui soldi vinti. Queste prime spese di Farber lo proiettano direttamente in testa alla lista dei “ballas” più “ballas” di Las Vegas.

Nonostante tutto, Farber ha anche aggiunto che “non è solo una questione di soldi, sul serio. Cioè, i soldi vanno bene ma quando arrivi così lontano, vuoi solo vincere“. Ci sarà da vedere ora se Farber riuscirà a fare solo queste grosse spese o se ha altre idee in mente, forse qualche investimento per i locali notturni in cui lavora.

Di investimenti rischiosi, in ogni caso, ne sa qualcosa Joe Cada, che ha voluto dare un consiglio al vincitore Ryan Riess affinché non ripeta i suoi stessi errori:

Devi stare molto attento a chi dare la tua fiducia. Tanta gente tenterà di rubarti o di portarti su una strada sbagliata. Scegli con saggezza i tuoi amici e ascolta le persone di cui ti fidi con molta cura“.

Cada sa perfettamente di cosa parla: dopo aver vinto il Main Event 2009, uno dei suoi investimenti fu un ristorante in Michigan dove si organizzavano anche tornei di poker in beneficenza. Questo ristorante è stato chiuso a febbraio di quest’anno non solo con delle perdite importanti ma anche con diversi problemi legali legati alla licenza per gli alcolici. Vedremo se Riess seguirà questi saggi consigli o se penserà di essere il più forte del mondo anche sugli investimenti.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari