Thursday, Jul. 7, 2022

Storie

Scritto da:

|

il 24 Gen 2014

|

 

Massimiliano ‘Visdiabuli’ Martinez: ‘Ho lanciato il challenge di 8-game perché non mi diverto più a NLHE!’

Massimiliano ‘Visdiabuli’ Martinez: ‘Ho lanciato il challenge di 8-game perché non mi diverto più a NLHE!’

Area

Vuoi approfondire?

Genio e sregolatezza. Queste due parole, spesso associate ai talenti più puri ma incostanti dello sport, possono ben descrivere Massimiliano Martinez, pokerista di classe sopraffina, mostrata anche al mondo vincendo quel ‘Big Game’ di Pokerstars in cui outplayò ‘sua maestà’ Phil Hellmuth. In questi giorni ‘Visdiabuli’ sembra aver ritrovato la voglia di giocare online, dopo un periodo di assenza dai tavoli virtuali.

E’ comparso ieri su Facebook un post in cui il professionista romano lancia un challenge di heads-up 8-game da giocare su Pokerstars.it:

Visd

Il grinding non lo ha mai appassionato particolarmente, ma il giocare sì e questa parrebbe essere quindi l’occasione buona per testare a che punto è il suo poker dopo mesi di inattività e per ritrovare il divertimento anche con le carte, una delle sue grandi passioni. Lo abbiamo contattato per sapere qualcosa di più riguardo alla sfida e in generale sul suo rapporto attuale col poker.

IPC: Ho letto il tuo post del lancio del challenge: ti è tornata voglia di giocare oppure c’è qualche altra motivazione che ti spinge a farlo?

Massimiliano Martinez: Questo challenge lo lanciai circa un anno fa e praticamente nessuno accettò. Ho provato a riproporlo perché ho voglia di giocare un po’ di 8-game. Non c’è nessuna motivazione particolare, semplicemente divertirmi a giocare visto che l’action è abbastanza scarsa in questo ambito.

IPC: Qual è l’identikit dell’avversario che vorresti accettasse?

M.M.: Non c’è un identikit preciso di un avversario che vorrei. Ho solo voglia di giocare, divertirmi e migliorarmi, per questo ho lanciato una sfida a chiunque, perché chiunque accettasse sarebbe il benvenuto.

IPC: Hai messo il poker un po’ da parte: è solo un’errata impressione oppure è vera questa affermazione?

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

M.M.: L’affermazione è giusta. A differenza di molti, non sono mai stato un grinder inossidabile, anzi direi quasi l’opposto. Per circa cinque anni ho giocato più o meno regolarmente, ma tenendomi ampi margini per fare altro e vivere. Partendo da queste premesse, appena ti passa un po’ la voglia è facile che la presenza sui tavoli sia quasi nulla. Dopo appunto cinque anni, questa voglia mi è venuta a mancare per diversi motivi: in assoluto per riequilibrare orari e lifestyle, ma anche perché, essendo un giocatore principalmente di mtt, giocare oggi sul palinsesto italiano è davvero deprimente, infatti bisogna aggiungere tantissimi tornei di buy-in basso e spesso ti ritrovi a giocare tornei dove se vinci chiudi, forse, break even la sessione. Tutto ciò porta, o almeno mi ha portato, ad alimentare la mia ‘non voglia’ di giocare che, comunque, già era presente.

IPC: Ti stai occupando di qualcos’altro in questo periodo? Qualcosa bolle in pentola oppure stai passando un totale periodo sabbatico?

M.M.: Non posso risponderti esaustivamente a questa domanda, comunque diciamo che sto facendo anche dell’altro in questo momento, ma praticamente nessuno ne è a conoscenza e così rimarrà.

IPC: Pensi di trovare almeno un avversario per la sfida oppure credi che in Italia ci sia idiosincrasia nell’affrontare questo tipo di challenge?

M.M.: Non credo ci sia paura, ritengo però che i regular che potrebbero accettare la sfida sappiano che non sia +ev accettarla, piuttosto che giocare contro qualsiasi random che si siede ai loro tavoli. In passato, quando mi sedevo per primo, quasi nessuno mi sattava in 8-game o comunque erano sessioni brevi. Quando gioco 8-game di solito non rifiuto mai rivincite, a meno che non abbia da fare e non possa continuare, perché mi diverto a giocare le varianti. La parte ludica del poker per me è rimasta solo nelle varianti, anche perché le ho giocate meno, mentre non trovo più divertimento, tolte rare occasioni, nel giocare nlhe. In ogni caso, credo che sia difficile che qualcuno accetti, sia perché il challenge è abbastanza lungo come tempo giocato, nonchè concentrato in pochi giorni, sia perché sulle varianti il bacino di utenza è assolutamente minore.

IPC: Hai fatto una programmazione pokeristica per questo 2014 oppure vivrai alla giornata?

M.M.: Come ben potrai immaginare sia per come son fatto, sia per quel che ho detto, non ho assolutamente alcun plan, quindi farò ciò che mi andrà non escludendo nulla a priori.

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari