Thursday, Sep. 16, 2021

Storie

Scritto da:

|

il 1 Feb 2014

|

 

Da Moneymaker a De Benedittis: le favole dei “Signor Nessuno” che arrivano lontano

Da Moneymaker a De Benedittis: le favole dei “Signor Nessuno” che arrivano lontano

Area

Vuoi approfondire?

L’impresa di Carlo De Benedittis, settimo all’EPT di Deauville, è di quelle che verranno ricordato a lungo.

Il molisano residente a Parigi ha ammesso candidamente di giocare a Texas Hold’em per passatempo e un risultato di queste dimensioni non se lo sarebbe mai e poi mai immaginato. De Benedittis si era infatti qualificato per questo EPT partendo da un satellite da soli 20 euro su Pokerstars.fr e, grazie all’inarrestabile cavalcata di questi giorni, è riuscito a trasformarli in 93.000€.

La favola di Carlo ricalca quella di tanti “mister nessuno” che, dal nulla, sono riusciti a centrare obiettivi inimmaginabili. Capostipite di questa categoria di giocatori, come ben saprete, è Chris Moneymaker, che nel 2003 riuscì a vincere addirittura il Main Event delle World Series of Poker dopo essersi qualificato con un satellite online da soli 39 dollari.

Il clamoroso successo dell’americano scatenò un vero e proprio pandemonio mediatico e, di fatto, da quel giorno, il poker esplose definitivamente a livello mondiale. La sua vittoria, che gli garantì oltre 2 milioni e mezzo di dollari, è universalmente considerata come la principale causa del boom del “giochino”: l’incontrollabile diffusione dell’Hold’em negli anni a seguire viene tuttora definita come “effetto Moneymaker”.

Ma se Chris fu il primo, non fu certo l’unico. Nel 2009 venne la volta del boscaiolo Darvin Moon che al suo primo torneo live riuscì ad arrivare addirittura secondo al Main Event di quell’anno. Anche lui, come Moneymaker, passò attraverso la porta dei satelliti online e quei 130$, investiti quasi per gioco, si tramutarono in 5 milioni di dollari!

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Avvicinandoci ai giorni d’oggi e guardando più in casa nostra, resta memorabile la performance del giovanissimo Luigi Corsetti nell’aprile scorso. Nella edizione dell‘IPO da un milione di dollari garantiti, il 21enne catanese sbaragliò la concorrenza di ben 2.491 giocatori assicurandosi un premio da 180.000€ al secondo torneo giocato in un casinò della sua vita.

Altro personaggio istrionico emerso in questi ultimi tempi è senz’altro il verace Domenico Rao, protagonista assoluto del Grand Final IPT del passato dicembre andato in scena al Casinò de la Vallèe di Saint Vincent. Contro ogni pronostico, il calabrese è riuscito a raggiungere la terza piazza finale per un assegno da ben 50.000€.

Questo breve excursus testimonia ancora una volta quanto nel poker, oltre a studio e applicazione, servano necessariamente altre “doti”. E, probabilmente, poter sognare anche quando sembra impossibile è uno dei motivi principali per cui non smetteremo di amare questo magnifico gioco…

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari