Saturday, Sep. 21, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 1 Lug 2014

|

 

Il Mixed-Max WSOP per Ferdinando Lo Cascio: “Noi italiani sfavoriti, nelle fasi conclusive pochi amatori”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Il Mixed-Max WSOP per Ferdinando Lo Cascio: “Noi italiani sfavoriti, nelle fasi conclusive pochi amatori”

Area

Vuoi approfondire?

9, 6, 4, 2… No, non è il caldo di Las Vegas che ci fa dare i numeri. Sono i giocatori al tavolo dal Day1 al Day4 del Mixed-Max 1.500$, assieme all’Ante Only uno degli eventi WSOP più innovativi per noi italiani.

A parlarci del torneo e delle conseguenze della formula sul gioco è il team pro Titanbet Ferdinando Lo Cascio:

“Per iniziare, credo che in Italia questa formula avrebbe molto poco appeal – dice il palermitanoO meglio: credo che ai regular italiani piacerebbe molto, come è per me. Ma non agli amatori, che non si troverebbero assolutamente a loro agio ai tavoli 4- e 6-handed”.

Lo Cascio spiega poi che in questo torneo, di giorno in giorno, va messo al tavolo un tasso crescente di aggressività:

“Ovviamente l’aggressività deve crescere man mano che si va avanti. Oggi, coi tavoli 9-max, il torneo non è poi così diverso da un qualsiasi 1.000 o 1.500$ WSOP. Da domani invece le cose cambieranno. Nei tavoli da sei, e ancora di più in quelli da quattro giocatori, se non aggredisci sei perduto”.

Ferdinando spiega anche che il field di questo torneo, nelle fasi conclusive, dovrebbe essere ben diverso da quello che si ritrova nei mega-tornei World Series dal buy-in basso:

“E’ lecito credere che alle fasi finali vedremo pochi amatori, in particolar modo in avanti con gli anni – dice Lo Cascio – il classico vecchietto americano che gioca iper-tight difficilmente riuscirà a farsi largo nei tavoli da sei e quattro giocatori. E così anche i giocatori occasionali”.

Ferdinando ci rivela di amare in particolare i tavoli 6-handed. Ma ritiene che i giocatori stranieri abbiano più possibilità di farsi largo degli italiani. Questione di esperienza:

“Nelle poker-room punto it ci sono pochi tornei 6- e 4-max. Personalmente amo molto i tavoli da sei, e penso di avere tutte le carte in regola per fare bene domani, qualora dovessi arrivare al Day2. Discorso diverso invece per i tavoli da 4: lì non penso di poter esprimere il mio A-game, anche perché quando giochi online non puoi aggiungere tavoli di questo tipo, in cui i range e le azioni sono completamente diverse da quelle degli altri tavoli che hai aperti in quel momento. Spero comunque di dovermi porre il problema perché significherebbe che sono andato avanti!”

 

Vuoi vivere le emozioni delle WSOP direttamente sul tuo schermo? Guarda l’ultima puntata di vegas2italy:

httpv://www.youtube.com/watch?v=E1VPjnqsKpI

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari