Wednesday, May. 25, 2022

Poker Live

Scritto da:

|

il 25 Set 2014

|

 

Il GPI cambia, Dreyfus: “I Big Shot conteranno meno, punteremo sulla costanza di rendimento”

Il GPI cambia, Dreyfus: “I Big Shot conteranno meno, punteremo sulla costanza di rendimento”

Area

Vuoi approfondire?

Nel poker moderno si fa molta attenzione alle classifiche, soprattutto quelle annuali, anche se non tutte riescono a mettere d’accordo la maggior parte dei giocatori impegnati sui tavoli di tutto il mondo.

Da diverso tempo a questa parte in soccorso della comunità pokeristica è giunto il Global Poker Index, che sta provando a mettere insieme una classifica che renda giustizia ai giocatori più costanti.

Almeno questa è la nuova linea resa nota dal CEO della Global Poker Index, Alex Dreyfus, il quale durante un’intervista riportata dai colleghi di Pokerlistings.com ha fatto capire che alcuni ranking, che puntano più sulle vincite in denaro, sembrano distorcere totalmente la realtà dell’andamento soprattutto di quei giocatori che ‘massano’ tornei dai buy-in contenuti (e in cui ovviamente anche il montepremi è proporzionale).

Vogliamo trovare il modo giusto per far conoscere i migliori giocatori in circolazione“, ha dichiarato Dreyfus.

La GPI ha introdotto così due nuovi strumenti per calcolare il rendimento dei giocatori impegnati nei quattro angoli del pianeta: si tratta dell’ormai celeberrimo “Player of the Year” e della “Challenger Cup“, che tiene conto dei risultati ottenuti nei tornei i cui buy-in rientrano nella fascia medio-bassa.

In questa speciale classifica, il minimo buy-in preso in considerazione è di un solo dollaro e si monitorano tutti i tornei che non superano i 20.000 dollari di buy-in, valutandoli in base a un altro strumento finito sotto l’egida della GPI circa un anno fa, ovvero il database Hendon Mob: in questo modo,  i punti raccolti dai giocatori variano in base al buy-in e al field totale ma non in base al montepremi in gioco.

Una delle crociate che Dreyfus sta provando a combattere è quella legata al fatto che alcuni eventi, come il Big One for ONE DROP da un milione di dollari di buy-in, finiscono per distorcere la realtà relativa al rendimento generale dei giocatori:

“Gli effetti di un singolo evento svaniscono nel giro di un paio di mesi, e se entro 36 mesi da un determinato traguardo raggiunto i giocatori non danno conferme in altri eventi, questo risultato verrà cancellato dalla classifica“.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Non mancano, ovviamente, le lamentele da parte dei giocatori, soprattutto sulla pubblicazione di certi dati, sia statistici che anagrafici, e anche in questo caso Dreyfus ha la soluzione giusta per accontentare tutti:

Il poker è sempre più vicino allo show business, abbiamo bisogno di raccontare storie vere: abbiamo bisogno di pubblicare risultati per tenere al corrente gli appassionati. Se non vuoi apparire nelle classifiche o nei risultati di un torneo, basta non partecipare“.

Si va dunque verso una soluzione drastica, ma comunque positiva, per classificare quelli che sono i migliori giocatori in circolazione.

Sicuramente il Big One for ONE DROP non ha spostato gli equilibri quest’anno, visto che il vincitore Dan Colman sta runnando in maniera notevole a prescindere dai circa 15 milioni messi in tasca grazie all’evento da un milione di dollari.

La classifica del Player of the Year della GPI, per il momento, premia Dan Smith, il quale attualmente mantiene la leadership davanti al nostro Mustapha Kanit e a Scott Seiver, con il già citato Colman che sta scalando posizioni successo dopo successo.

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari