Friday, Oct. 18, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 15 Dic 2015

|

 

EPT review – Lamprecht intrappolato dal ‘flow’, ma il board gli regala un monster pot!

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

EPT review – Lamprecht intrappolato dal ‘flow’, ma il board gli regala un monster pot!

Area

Vuoi approfondire?

Il main event EPT prosegue dritto verso il final table. Nel day5 in corso di svolgimento, coin flip e cooler stanno determinando gli eletti che si giocheranno la prima moneta da 920.000€.

Non sarà tra questi l’austriaco Benjamin Lamprecht, uscito 17° per mano dell’inarrestabile armeno Amirov: 7-7 per Lamprecht, A-K per Amirov, A flop e fine dei giochi.

Strano. Visto che nella giornata di ieri il ragazzo di Vienna si era reso protagonista di uno spot tanto incredibile quanto fortunato contro l’israeliano Ori Miller.

Un colpo nato esclusivamente dal flow del tavolo e da una dinamica più unica che rara a 4 tavoli left di un torneo così prestigioso.

Dopo l’apertura Ersan da Utg+2, Miller tribetta da bottone e Lamprecht cold 4-betta da big blind assicurandosi il pot.

E fin qui nulla di strano. Ma nella mano immediatamente successiva accade ciò che non ti aspetti: Ersan apre nuovamente, da Utg+1 a 40.000, e Miller tribetta nuovamente, da cutoff a a 108.000.

La parola arriva così a Lamprecht (in foto copertina) che masticando fin troppo vistosamente il suo chewing gum decide di farlo ancora: cold 4 bet a 276.000! Ersan sorride e passa. Miller inizia a ragionarci su, riprende le sue chips e 5-betta a 382.000! Lamprecht ci pensa un attimo su e decide di andare all-in per 1.350.000 chips!

Pausa. Considerando il flow, in questo caso, in game, è davvero difficile capire se si stia trattando di top range o soltanto di una move di braccio: la 5-bet di Miller potrebbe essere stata innescata dalla mano precedente e talvolta potrebbe essere in bluff, convinto che l’austriaco stia facendo leva proprio sullo spot appena giocato.

Qui entrano in gioco livelli di pensiero che non possono assolutamente essere analizzati dall’esterno senza conoscere l’intero andamento del tavolo fino a quel momento: quanto stava aggredendo pre il buon Lamprecht? Quanto stava tribettando Miller?

Difficile saperlo. Fatto sta che tutti i discorsi, o quasi, vengono a cadere quando Miller snappa mostrando A-A!

miller

Uno sconsolato Miller alla comparsa del Flop…

Il board però, sembra avere progetti nefasti per l’israeliano: 8JQ 9 4 !

Quel che dovrebbe ora venire naturale chiederci è: ma siamo certi che Lamprecht avrebbe 6-bet shovato qualora non avesse cold 4-bet shovato la mano precedente? Siamo sicuri che avrebbe giocato così i suoi 80bb?

Anche questo è molto difficile da stabilire, ma siamo certi che il 4bet/fold con Q-Q sarebbe potuta essere un’opzione da prendere in considerazione. In questo caso, invece, diventa infinitamente più dura e proprio per il flow creatosi possiamo definirlo un cooler a tutti gli effetti.

Che ne pensate?

Photo credits: Neil Stoddart

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari