Tuesday, Jul. 23, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 3 Lug 2018

|

 

Poker Hall of Fame – Hennigan e Oppenheim tra i dieci nomi del 2018, ma manca Pescatori!

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Poker Hall of Fame – Hennigan e Oppenheim tra i dieci nomi del 2018, ma manca Pescatori!

Area

Vuoi approfondire?

I dieci finalisti della 2018 POKER Hall Of Fame sono stati svelati. Due di loro saranno annunciati a Las Vegas il prossimo 13 luglio. Stavolta però l’Italia non sarà rappresentata…

Dopo un  processo di nomination pubbliche e l’approvazione del PHOF Govering Council, la lista dei finalisti della Poker Hall of Fame è stata determinata infatti senza la presenza del pirata Max Pescatori o di altri azzurri.

Adesso la parola passa ai 28 membri della Hall of Fame e a 18 personaggi dei media pokeristici che dovrannno scegliere chi si unirà all’esclusivo club HOF. Ecco la lista (in rigoroso ordine alfabetico) dei dieci:

2018 POKER HALL OF FAME FINALISTS

  • CHRIS BJORIN
  • DAVID CHIU
  • MORI ESKANDANI
  • BRUNO FITOUSSI
  • JOHN HENNIGAN
  • MIKE MATUSOW
  • CHRIS MONEYMAKER
  • DAVID OPPENHEIM
  • MATT SAVAGE
  • HUCKLEBERRY SEED

 

I più attenti di voi si saranno accorti che due nuovi candidati (John Hennigan e David Oppenheim) sono stati nominati e che nella lista manca il nostro Max Pescatori, sempre presente nelle ultime edizioni! Come l’avrà presa?

I dieci nomi saranno dunque sottoposti adesso a un cast di 46 individui che terrà conto dei soliti criteri per scegliere i due nomi vincitori:

  • un giocatore deve aver giocato ai massimi livelli;
  • deve avere almeno 40 anni;
  • deve aver giocato high stakes;
  • deve aver giocato bene, guadagnandosi il rispetto degli altri;
  • deve aver resistito alla prova del tempo.

 

Per i non-giocatori, il criterio è quello di aver contribuito alla crescita e al successo del gioco del poker, con risultati indelebili, positivi e duraturi.

I due nomi vincitori verranno svelati su ESPN durante il final table del Main Event WSOP venerdì 13 luglio 2018. I votanti hanno tempo fino a domenica 8 luglio per recapitare la loro scelta al WSOP Governing Council. Volete un riassunto delle carriere dei dieci potenziali vincitori? Eccovi accontentati:

 

CHRIS BJORIN

Il 70enne svedese risiede adesso a Londra e ha incassato oltre 5,7 milioni giocando a poker in carriera. Ha vinto due braccialetti WSOP, è settimo nella cash list di tutti i tempi delle WSOP e quinto in quella degli ITM al Main (con 7 bandierine). Bjorin è un modello di consistenza ed è secondo nella money list svedese.

DAVID CHIU

Nato in Cina, David Chiu si è spostato negli USA quando era uno studende 18enne. Con il poker ha cominciato da dealer prima di diventare un torneista di successo. Ora ha 57 anni, vanta cinque braccialetti WSOP e 74 bandierine. La sua vittoria più recente risale al 2013. Al 2008 risale invece un suo memorabile shippo al WPT World Championship contro Gus Hansen. Dal 1996 ha incassato oltre 8 milioni.

MORI ESKANDANI

Il 62enne Eskandani ha prodotto tanti programmi famosi come Poker After Dark, High Stakes Poker, the National Heads-Up Championship… Eskandiani ha giocato anche partite high stakes quando si è trasferito a Las Vegas negli anni ’80.

BRUNO FITOUSSI

Il 59enne Fitoussi è uno dei francesi più influenti per il poker. Ha introdotto il Texas Hold’em all’Aviation Club de France nel 1995 e ha più di 2,8 milioni di vincite (al 12° posto della money list francese). Nel 2011 ha vinto l’inaugurale World Heads Up Poker Championship battendo Amarillo Slim. Il suo primo cash ufficiale risale al 1991. È stato runner-up nel Poker Players Championship del 2007 meritandosi un premio milionario.

JOHN HENNIGAN

Il 48enne Hennigan ha spopolato nei tornei americani degli ultimi due decenni, superando gli 8 milioni di vincite in particolare tra Las Vegas e Los Angeles. Alle WSOP vanta cinque braccialetti, 40 bandierine e più di 5,5 miloni vinti. Si è imposto nelle varianti Limit, Seven Card Stud Hi-Lo, H.O.R.S.E., 2-7 Lowball e nel PPC.

MIKE MATUSOW

Il 50enne Matusow ha più di 9,4 milioni vinti in carriera. E pensare che una volta faceva il dealer… Matusow ha partecipato al final table del Main Event WSOP nel 2001 e nel 2005. Negli altri eventi ha fatto 15 tavoli finali ai quali vanno aggiunti anche 5 tavoli finali del WPT. Il suo conto di braccialetti WSOP è fermo a 4 ma in bacheca vanta anche un NBC Heads Up Championship.

CHRIS MONEYMAKER

Serve presentare il 42enne Chris Moneymaker? Dal 2003 è uno dei nomi più conosciuti per i pokeristi. Sono passati infatti 15 anni da quando si è laureato campione del mondo investendo solo 39$ in un satellite online. In carriera oggi vanta 3,7 milioni vinti e 81 bandierine piazzate in quattro diversi continenti.

DAVID OPPENHEIM

Pro del cash game di Los Angelse, il 45enne Oppenheim può vantare anche 1,9 milioni di vincite nei tornei. Nel 2010 è arrivato terzo al PPC incassando oltre 600mila dollari. Oppenheim gioca da 25 anni ai tavoli.

MATT SAVAGE

Il 49enne Savage è uno dei nomi più noti tra i non-giocatori. Con il suo aplomb e il suo stile, è stato uno dei fondatori della Tournament Directors Association e ha lavorato per standardizzare le regole dei tornei di poker. Ha lavorato per il Bay 101 Casino di San Jose, il Commerce Casino di Los Angeles e il WPT.

HUCKLEBERRY SEED

Chiudiamo con il 49enne Seed che ha vinto 4 braccialetti e 7,6 milioni in carriera. Si è imposto nel Razz, nel PLO, nel NBC Heads-Up Championship ed è apparso due volte al tavolo finale del PPC. Senza scordarci il Main Event del 1996… La sua carriera è iniziata nel 1990.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari