Tuesday, Jun. 18, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 24 Ago 2018

|

 

Splittare o giocare? Ecco un ruling controverso dall’EPT High Roller di Barcellona

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Splittare o giocare? Ecco un ruling controverso dall’EPT High Roller di Barcellona

Area

Vuoi approfondire?

Facciamo un passo indietro al Day 1 dell’EPT High Roller di Barcellona per analizzare un caso che ha fatto molto discutere in queste ore.

Senza ulteriori indugi, tuffiamoci nell’action per capire cosa è successo…  Siamo nel 4° livello di questo torneo da 10.300€ di buy-in. I bui sono saliti a 200/400.

Louis Nyberg rilancia da UTG e l’italiano Enrico Coppola chiama. Kristen Bicknell allora 3betta dal bottone. Nyberg folda e Coppola chiama ancora. Fin qui non è successo nulla di straordinario.

A questo punto però si verifica il fattaccio: il dealer inspiegabilmente getta il mazzo sul tavolo e comincia a mischiare carte, raccogliendo anche quelle precedentemente foldate dai giocatori.

Forse pensava che la Bicknell avesse vinto la mano preflop… Fatto sta che interviene il floorman, dicendo al dealer di continuare a mischiare le carte in attesa di istruzioni. Il floor torna al tavolo poco dopo e stabilisce che Coppola e la Bicknell non possono continuare a giocare la mano, devono splittare il piatto tra di loro.

Il tavolo non è d’accordo e allora il floorman si allontana per la seconda volta dal tavolo, al fine di controllare in qualche modo qual è il ruling da applicare. Torna di nuovo al tavolo e conferma il ruling: Coppola e la Bicknell devono splittare il pot.

Christopher Kruk per primo condivide la storia su Twitter, suscitando naturalmente varie reazioni. La community si rivela decisamente divisa sulla questione.

 

 

Il belga Kenny Hallaert, giocatore ma anche tournament director, ha risposto così a Kruk: “Secondo la TDA in un caso del genere bisognerebbe provare a scartare il maggior numero di carte foldate, rimescolare il mazzo e girare il flop. PokerStars ha regole simili a quelle della TDA ma evidentemente non vuole che ci siano girate tra le cinque carte comuni delle carte precedentemente foldare. C’è da discutere“.

Ari Engel non è d’accordo con la decisione presa a Barcellona così come Ryan Beauregard, direttore del Wynn di Las Vegas. Mike Dentale e Dave Mock invece sono per lo split.

Bill Perkins approva la scelta anche se non è entusiasta. Gavin Griffin dice: “Per me si può considerare la mano un misdeal ma anche continuare a giocare“.

I colleghi di PokerNews riportano una parte delle regole stabilite dalla Tournament Directors Association, sostenendo che non si può parlare di misdeal e che probabilmente si poteva trovare una soluzione migliore per rimediare all’errore del dealer.

In un relativo sondaggio il 64% dei lettori ha risposto: “Il ruling è sbagliato, la mano doveva continuare“. Solo l’11% è d’accordo con il ruling mentre il 26% ha risposto: “Penso che entrambi i ruling siano giusti“. Voi che ne pensate?

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari