Friday, Feb. 21, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 25 Ott 2018

|

 

15 anni di Moneymaker effect: dove sono ora i nove finalisti del 2003?

15 anni di Moneymaker effect: dove sono ora i nove finalisti del 2003?

Area

Vuoi approfondire?

Sono passati quindici anni dal mitico trionfo di Chris Moneymaker alle WSOP di Las Vegas.

Era il 2003, infatti, quando un contabile americano si qualificava online al Main Event più importante al mondo e si preparava a far esplodere il poker a livello internazionale.

Ne è passata di acqua sotto i ponti, nel frattempo. Il poker boom è durato indicativamente solo fino al 2006. Il declino del gioco è stato causato fondamentalmente da alcune spiacevoli leggi americane.

Dopo il Black Friday del 2011, però, il poker ha riguadagnato lentamente la sua fama e oggi la voglia di giocare è ancora tanta. Si continuano a inventare varianti e nuove formule di gioco per far felici i giocatori di tutto il mondo. I buy-in sono aumentati vertiginosamente negli High Roller internazionali e il mercato è in continua evoluzione.

In tutto ciò, che fine hanno fatto i nove finalisti del famoso Main di quindici anni fa? Chris Moneymaker abbiamo continuato a vederlo in giro con la patch di PokerStars sul petto. Ma gli altri?

Beh, alcuni sono sempre rimasti sulla cresta dell’onda e hanno macinato risultati ai tavoli da poker, conquistando braccialetti e non solo. Altri sono spariti nel nulla o hanno intrapreso strade molto diverse. C’è perfino chi è diventato un comico… Ecco il riassunto di quello che hanno combinato negli ultimi 15 anni. Purtroppo uno di loro è mancato nel 2010.

CHRIS MONEYMAKER – Moneymaker è un ambasciatore di PokerStars, la room più importante al mondo, praticamente da 15 anni. In questo periodo ha aggiunto circa 1.200.000$ alle sue vincite. Nel 2011 ha ottenuto il suo secondo miglior risultato in carriera: un 2° posto da 300mila dollari National HU Championship. In suo onore recentemente è stato creato il MoneyMaker Tour da PS. In una intervista di qualche mese fa, Moneymaker ha spiegato che ancora gli chiedono se il suo cognome è finto.

 

SAM FARHA – Fu il runner-up del 2003 e quel risultato è rimasto il più ricco della sua carriera. Anche perché Sam preferisce il cash game di PLO ai tornei di Hold’em. Tuttavia è riuscito a vincere due braccialetti nel frattempo, nel 2006 e nel 2010. Il suo ultimo ITM ufficiale risale al 2014.

 

DAN HARRINGTON – Il leggendario Harrington si piazzò terzo nel 2003 e e quarto nel 2004 al Main Event delle WSOP! Nella sua seconda apparizione consecutiva incassò 1 milione e mezzo di dollari, più del doppio rispetto all’anno prima. In seguito ha scritto dei libri di successo sui tornei di poker, che tutti conosciamo. Nel 2010 è entrato meritatamente nella Poker Hall of Fame.

 

JASON LESTER – Si piazzò quarto nel 2003 e poi giocò ad alti livelli per tre anni, classificandosi terzo al WPT Five Stars World Poker Classic e mettendosi al polso un braccialetto nel PL Hold’em. È ancora un regular delle WSOP e al Main Event è andato a premio per cinque volte. L’ultima risale proprio a questa estate (posizione 415).

 

TOMER BENVENISTI – Chiuse quinto nel 2003 e quel risultato resta praticamente il suo unico acuto in carriera. Non sorprende, visto che parliamo di un giocatore di cash game e satelliti. Benvenisti tra l’altro fa altro oltre a giocare a poker: dal 2010 è uno stand-up comedian, figura molto popolare negli States. Infatti il suo ultimo risultato ufficiale risale al 2009.

 

 

AMIR VAHEDI – Sesto nel 2003, l’iraniano Vahedi ha continuato a vincere durante il poker boom, accumulando più di 3,2 milioni di dollari nei tornei live. È stato anche il poker tutor dell’attore Ben Affleck. Purtroppo l’8 gennaio del 2010 è venuto a mancare all’età di 48 anni. Era malato di diabete. Ha lasciato quattro figli: Johnathon, Erika, Chanel e Albaro.

 

YOUNG PAK – Ottavo classificato nel 2003, Pak è praticamente sparito dai radar pokeristici negli anni successivi. L’unico suo risultato ufficiale durante il poker boom è datato 2005 (un 10° posto a San Francisco). Quella resta la sua ultima apparizione positiva.

 

DAVID GREY – Grey ha aggiunto nel 2005 un secondo braccialetto WSOP nel suo curriculum. È rimasto un regular dei cah games high-stakes apparendo in programmi televisivi come Poker Superstars, High Stakes Poker, the NBC National Heads-Up Championship e Poker After Dark.

 

DAVID SINGER – Nono classificato del 2003, Singer ha raggiunto grandi successi negli ultimi 15 anni. Vanta due braccialetti WSOP vinti e più di 4,8 milioni incassati in tornei.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari