Sunday, Sep. 20, 2020

Storie

Scritto da:

|

il 27 Apr 2020

|

 

25 anni fa Valter Farina vinceva il primo braccialetto WSOP della storia del poker italiano

25 anni fa Valter Farina vinceva il primo braccialetto WSOP della storia del poker italiano

Area

Vuoi approfondire?

25 anni fa, il 26 aprile 1995, l’Italia del Poker arrivò per la prima volta “sul tetto del Mondo” grazie a Valter Farina.

Il giocatore genovese, poi soprannominato ‘il Pioniere’ dal giornalista della Gazzetta dello Sport Marco Bianchi, cinse al polso il braccialetto dell’evento di Limit Seven Card Stud da 1.500$ di buy-in, laureandosi Campione del Mondo quando ancora il Texas Hold’em doveva essere conosciuto in Italia.

Da quel giorno passarono 11 anni prima che gli appassionati italiani di poker potessero esultare per un nuovo successo grazie a Max Pescatori.

Poi sono seguiti i braccialetti di Dario Minieri, Dario Alioto, Rocco Palumbo e Davide Suriano, ma queste sono altre storie: intanto ecco quella del giorno in cui è iniziato il feeling dei giocatori di poker italiani coi braccialetti che simboleggiano il titolo di Campione del Mondo di poker.

 

Un mercoledì da leoni

Quel mercoledì 26 aprile, al Binion’s di Las Vegas, si teneva il secondo evento dei venticinque in programma nella 26° edizione delle World Series Of Poker.

Il giorno prima l’evento di apertura, un 1.500$ Limit Hold’em che aveva registrato 560 iscritti, era andato allo statunitense Christian Wan Hees.

La stazione meteorologica di North Las Vegas aveva registrato da poco una temperatura massima di 32° (90°F) quando al casinò della Freemont Gallery si chiusero le iscrizioni dell’evento: in totale 241 giocatori a lottare per sedici posizioni a premio.

Dopo lo scoppio della bolla venne eliminata la statunitense Rosalie Feldman, poi in quindicesima posizione venne il momento di abbandonare il torneo per Men Nguyen.

Pochi giorni dopo ‘The Master’ si consolò vincendo il secondo e il terzo braccialetto dei sette accumulati finora, agli eventi da 2.500$ di buy-in di Seven-card stud hi-lo e di Limit Texas Hold’em. E Nguyen non fu l’unica leggenda del poker a centrare una doppietta.

 

Cosa successe in quella edizione World Series Of Poker

Le WSOP quell’anno tagliavano il traguardo della ventiseiesima edizione. Il programma prevedeva 25 eventi in tutto: undici di questi erano da 1.500$ di buy-in, sette da 2.500$, quattro da 5.000$, il Ladies Event da 1.000$, un evento Charity e il classico Main Event da 10.000$. Appena quattro di questi avevano formula re-buy.

Tra i vincitori ci sono alcuni giocatori statunitensi entrati nella leggenda come John Bonetti, Steve Zolotow e Mickey Appleman. Ma soprattutto quella edizione vide l’incredibile exploit di Dan Harrington, che oltre a vincere il braccialetto dell’evento 22 (2.500$ No Limit Hold’Em) si aggiudicò anche il milione tondo che spettava al vincitore del Main Event.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

 

 

Come andò il torneo di Farina

Nato nel 1954 a Genova, nei primi anni ’90 Valter Farina si trasferì a Las Vegas in pianta stabile per giocare cash game. Dal 1993, ovvero due anni prima di quel 26 aprile, aveva iniziato a cimentarsi anche coi tornei. Il Seven-Card Stud era il suo gioco preferito all’epoca.

Secondo quanto ci raccontò lui stesso, quel giorno giocò il torneo perfetto:

“Era la mia variante preferita dell’epoca, ho giocato benissimo ma sono stato molto molto fortunato perchè per vincere un torneo di quel genere serve tanta tanta fortuna”

Il ruolo della fortuna nei tornei è uno dei fattori che hanno portato la carriera di Valter verso i tavoli cash game. Quel 26 aprile 1995, oltre a lui, tra i 16 giocatori che arrivarono alla zona premi c’erano altri due europei, entrambi tedeschi, usciti in settima e in nona posizione.

Dopo l’eliminazione di Tom Pinak in terza posizione, al testa a testa conclusivo Valter si trovò contro lo statunitense Steve Karabinas. Un nome un programma. Farina vs Karabinas, di sensi se ne potevano leggere tanti.

Il giorno dopo nessun quotidiano italiano riportò la notizia della vittoria. Niente di cui stupirsi visto che al tempo, in tutto lo Stivale, a sapere che un italiano aveva portato il tricolore sul tetto del mondo ai campionati del mondo di poker, erano solamente Valter e i suoi amici più prossimi.

 

Il payout del torneo

Ecco il payout finale del torneo in cui Valter Farina si laureò campione del Mondo di poker.

1st Italy Valter Farina $144,600
2nd United States Steve Karabinas $72,300
3rd United States Tom Pinak $36,150
4th United States Alan Miskin $21,690
5th United States David Moreno $18,075
6th United States Marie Gabert $14,460
7th Germany Matthias Holle $10,845
8th United States Julio Anicete $7,230
9th Germany Gerhard Mauerer $5,423
10th United States Alan Boston $5,423
11th United States Gregg Turk $5,423
12th United States Kenneth Hoey $5,423
13th United States Norman Kong $3,615
14th United States Rowan LaBarre $3,615
15th United States Men Nguyen $3,615
16th United States Rosie Feldman $3,615

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari