Thursday, Sep. 16, 2021

Poker Online

Scritto da:

|

il 24 Set 2011

|

 

Full Tilt Poker: ecco i conti bancari confiscati a Lederer, Ferguson, Furst e Bitar

Full Tilt Poker: ecco i conti bancari confiscati a Lederer, Ferguson, Furst e Bitar

Area

Vuoi approfondire?

Passare dalle parole ai fatti. E’ questo l’obiettivo del Dipartimento di Giustizia americano. Infatti sono passati solo pochi giorni da quando sono stati denunciati Howard Lederer e Chris “Jesus” Ferguson, che adesso il DoJ ha individuato e confiscato tutti i fondi appartenenti ai maggiori esponenti di Full Tilt Poker.

Howard Lederer, Chris Ferguson, Rafe Furst e Ray Bitar erano stati tutti accusati di riciclaggio di denaro: nell’accusa erano state specificate quasi dettagliatamente le cifre in ballo. Il Dipartimento di Giustizia americano afferma che da Aprile 2007 ad Aprile 2011 i proprietari della Tiltware LLC (società che controlla FTP) hanno ricevuto 443.860.530 dollari e sono stati suddivisi nel seguente modo: almeno 41 milioni a Bitar, 42 milioni a Lederer, 11,7 milioni a Furst, 25 a Ferguson (gli sarebbero spettati 85 milioni).

Tutto il resto del saldo degli oltre 443milioni di dollari era da suddividere con gli altri proprietari di Tiltware LLC (circa una ventina di persone).

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

E’ notizia di oggi che l’ FBI ed altri corpi della polizia sono stati autorizzati a prendere il controllo di eventuali fondi nei conti seguenti:

  • Tutti i fondi e altri beni in alla NatWest e tutti i relativi fondi tracciabili;
  • Tutti i fondi e altri beni in deposito presso la Wells Fargo Bank N.A e tutti i relativi fondi tracciabili;
  • Tutti i fondi e altri beni in presso Lloyds TSB International, con sede alle Isole di Mann e tutti i relativi fondi tracciabili;
  • Tutti i fondi e altri beni in deposito in conto numerato presso Citibank N.A. e tutti i relativi fondi tracciabili;
  • Un conto presso Pictet & Co Bankers,  Svizzera e tutti i relativi fondi rintracciabili.

Da quando è scoppiato il Caso Full Tilt Poker, precisamente il 15 aprile 2011 con l’ operazione Black Friday, questo è l’ennesimo aggiornamento che riguarda la red room … e sicuramente non sarà l’ultimo.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari