Tuesday, Jul. 23, 2019

Poker Online

Scritto da:

|

il 19 Feb 2014

|

 

“Faccio cose che altri non fanno, gioco fuori dagli schemi”: Jackson Genovesi ci racconta il suo poker.

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

“Faccio cose che altri non fanno, gioco fuori dagli schemi”: Jackson Genovesi ci racconta il suo poker.

Area

Vuoi approfondire?

Martedì degno di nota per Jackson ‘DjackMpkr’ Genovesi, che ieri notte è riuscito a fare runner up al Ruby Tuesday e ad agguantare un sesto posto al Night on Stars di Pokerstars per un profit totale di circa 8.000€, peraltro arrivato al termine un filotto di risultati positivi nelle precedenti giornate di gioco.

Abbiamo contattato Jackson per farci raccontare del suo momento di forma smagliante.

IPC: Allora Jackson, è un momento di buoni risultati: semplice good run o c’è dell’altro?

JG: Sicuramente, oltre a giocare molto bene, per arrivare in fondo a un torneo devi anche runnare good: ma ieri non è stato niente di eccessivo, ho vinto solo i colpi che mi spettavano. Anzi, se penso che potevo vincere 15.000€ un po’ mi rode… Il giorno prima avevo vinto il 50€ 6-max, e il giorno prima ancora il Need for Speed su Pokerstars e l’Ultima Chance su Ongame. Ho vinto un bel po’ ultimamente, speriamo la striscia positiva continui. In effetti sto giocando particolarmente bene, e molto diversamente dalla maggior parte dei reg. Penso abbastanza fuori dagli schemi.

IPC: In che senso giochi in modo diverso dai reg?

JG: Faccio cose che altri non fanno, gioco a modo mio. So gestire bene la mia immagine al tavolo e capisco cosa sta pensando e cosa farà l’avversario se io faccio determinate mosse. Poi in questo periodo mi è tornata proprio la voglia di giocare. Sto prendendo residenza a Malta, ho affittato casa con dei miei amici, sono stato una decina di giorni a giocare sul .com e mi sono divertito da morire. L’esperienza maltese mi ha ridato la voglia di ricominciare a vincere, questi primi mesi del nuovo anno stanno andando molto bene sia cash che MTT, sia .it che .com.

IPC: A proposito del .com, hai notato qualche analogia col .it? A tuo avviso, la forbice tra le due realtà pokeristiche si è ulteriormente allargata?

JG: Analogie? (risata) Solamente che si gioca allo stesso gioco, per il resto proprio nessuna. I range sono totalmente diversi, i giocatori sono due volte più bravi, spewano moltissimo, non c’è uno spot che viene lasciato a cuor leggero, si vedono dei grandi resti/reshove/limp shove, tutto il repertorio con tutte le carte. In Italia se qualcuno arriva alla 4bet pre gira sempre QQ+.

IPC: Dopo questa esperienza maltese hai pensato di trasferirti o ci andrai solo di quando in quando?

JG: In realtà ci ho pensato molto, mi sono divertito talmente tanto che non volevo più tornare. Ho giocato qualcosa come 18 ore al giorno, a volte i miei amici andavano a dormire, si svegliavano e quando mi trovavano ancora attaccato al pc mi dicevano “dai, non è possibile”. E’ stato super divertente, alla fine il bilancio è stato decisamente positivo e la voglia di tornarci al più presto è assoluta. In Italia ho una ragazza da due anni e gli amici di una vita, ho deciso per questo di affittare una casa e andare avanti e indietro quando ne ho voglia. In fin dei conti è soltanto un’ora di volo: penso di andare per qualche weekend e quando ci sono i grandi eventi sulle punto com.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari