Friday, Aug. 23, 2019

Poker Online

Scritto da:

|

il 20 Ott 2014

|

 

Come mescola le carte il server di Pokerstars?

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Come mescola le carte il server di Pokerstars?

Area

Vuoi approfondire?

Quante volte abbiamo parlato di server rigged?

Quante volte ci siamo chiesti se alla fine è davvero casuale l’uscita delle carte nel poker online?

Se non volete credere a chi ha sempre difeso la bontà delle poker room, Pokerstars ha pubblicato un interessante video esplicativo in cui potrete vedere coi vostri occhi come funzionano le cose.

Accompagnati dal presentatore EPT James Hartigan al Centro Dati di PokerStars, insieme a Lee Jones, Head of Poker Communications, ci viene spiegato come tutto ciò che vediamo sulla poker room avvenga dentro questo enorme edificio che ospita tutti i server: qui avviene anche lo shuffle delle carte.

Il sistema di mescolamento è quantomeno complicato e utilizza un insieme complesso di strumenti, che può sembrare anche abbastanza bizzarro, ma è assolutamente efficace. Ce lo racconta nel dettaglio Lee Jones:

“Come ogni shuffle, tutto parte con un Random Number Generator, non utilizziamo software, perché i software possono commettere degli errori; utilizziamo degli hardwareAbbiamo due fonti completamente separate di numeri casuali: la prima spara un raggio di luce in una sorta di specchio semi opaco: se la luce rimbalza il risultato è 1, se ci passa attraverso è 0. Poi prendiamo un’altra fonte di bit casuali e le combiniamo con un metodo crittografico che ci dà un flusso continuo di 1 e 0 casuali, da qui viene generato un numeroA questo punto abbiamo un numero casuale tra 1 e 52. Prendiamo che sia 36: estraiamo dal mazzo la carta corrispondente e la mettiamo sul tavolo. Poi ripetiamo l’operazione, ma stavolta con un numero da 1 a 51, e così via. Proprio come nel live, lo shuffle viene fatto prima di ogni mano“.

Appurato come avviene lo shuffle, molti di voi si chiederanno: perché allora perdo sempre? Perché le mie top pair vengono sempre scoppiate da mani marginali? E’ lo stesso Jones a rispondere a questo quesito:

“È quella che si chiama memoria selettiva: ci ricordiamo solo di quando il nostro K-K perde pre-flop contro 9-9. Ma se prendiamo tutti i K-K verso 9-9 pre-flop, ci rendiamo conto che la prima mano vince circa l’80% delle volte, come deve essere in termini matematici”.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari