Friday, Oct. 22, 2021

Poker Online

Scritto da:

|

il 10 Mar 2015

|

 

Buona notizia per il poker online: ridotte le tasse dei tornei

Buona notizia per il poker online: ridotte le tasse dei tornei

Area

Vuoi approfondire?

Vicina al traguardo l’ormai famosa delega fiscale sul comparto giochi, il cui decreto attuativo è stato più volte rimandato.

E’ stata infatti presentata alla “Bicameralina” dal sottosegretario del Ministero dell’Economia e delle Finanze Pier Paolo Baretta la bozza quasi definitiva del decreto sul gioco d’azzardo.

La più importante novità che riguarda il mondo del poker online è il cambio di tassazione sui tornei.

Si passa, finalmente potremmo dire, dal tassare la raccolta totale a un’aliquota sul margine, cioè a quello che resta dopo che sono state pagate le vincite come avviene già per il cash game.

Questa discrasia è dovuta al differente momento di introduzione delle due varianti.

Infatti per quel che concerne gli skill game e il poker a torneo (e ovviamente anche i sit and go e gli spin and go, dirette emanazioni dei tornei) che sono stati i primi giochi online offerti in Italia la base impositiva da considerare è la raccolta, o meglio ciò che resta di essa detratte le vincite, i contributi e gli aggi del concessionario.

L’aliquota applicata risulta quindi essere il 3% della raccolta, equivalente circa al 27 % del guadagno della poker room.

Quando invece è stato introdotto il cash game (e i giochi da casinò) è stata fissata un’aliquota fissa del 20% sul margine realizzato.

Ovviamente questa aliquota così bassa è puramente fittizia perchè nel margine viene considerata anche la rakeback data al giocatore che a seconda dei casi fa aumentare la tassazione fino a punte del 40 %.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Per le poker room è comunque un vantaggio avere una tassazione sul margine perchè consente di programmare meglio la gestione delle risorse e dei vip system.

L’aliquota del 20%, sebbene non sia la più bassa d’Europa è comunque piuttosto equilibrata, soprattutto in confronto alla tassazione vigente in Italia in altri settori.

Se poi la raffrontiamo a mercati vicini e chiusi come il nostro possiamo essere contenti: in Francia le tasse superano il 35 % per ciò che concerne il cash game, mentre in Spagna arrivano fino al 25% seppure non ci sia il pagamento annuale del canone di concessione.

Il quadro nel resto dell’Europa è leggermente migliore, con aliquote attorno al 20% nei paesi nordici e solo del 15 % nel Regno Unito.

La delega fiscale che sarà approvata a breve prevede quindi un’armonizzazione del quadro impositivo come ha spiegato Italo Volpe, direttore Affari Legali dei Monopoli di Stato, che accompagnava il sottosegretario Baretta: “si passerà a un prelievo sul margine e non più sulla raccolta per tutte le forme di gioco” ha dichiarato ai parlamentari, facendo capire che i tornei cambieranno tassazione.

Non ha però specificato l’aliquota lasciando per il momento ancora un alone di mistero.

Se si rivelasse come probabile il 20% come nel cash game i vantaggi per le poker room sarebbero enormi e così potrebbero a cascata ottenere guadagni anche tutti i giocatori grazie a un’auspicata riduzione della rake nei tornei e soprattutto nei sit and go.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari