Tuesday, Jul. 16, 2019

Poker Online

Scritto da:

|

il 9 Giu 2018

|

 

Differenze tra IT e COM? Uno spot allo ZOOM 100 rende discretamente l’idea…

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Differenze tra IT e COM? Uno spot allo ZOOM 100 rende discretamente l’idea…

Area

Vuoi approfondire?

In (perenne) attesa per quel che concerne la possibilità di entrare a far parte del nuovo mercato condiviso tra Francia, Spagna e Portogallo, i grinder italiani non possono far altro che incrociare le dita e studiare da lontano le tendenze dei dirimpettai europei.

Si è sempre parlato delle enormi differenze di range presente tra il .Nit (refuso volontario) e lo stile di gioco decisamente più loose del punto com. Che non si tratti di una leggenda metropolitana è noto, ma per chi ancora avesse qualche dubbio abbiamo deciso di oggi di riportarvi uno spot giocato al NL100 Zoom non-Ita.

Partiamo subito dal presupposto che per sua stessa natura, il cash game con il fast fold richiede una teorica restrizione di range to broke, visto che la possibilità di passare la mano e giocarne immediatamente un’altra invita a selezionare gli spot ideali per giocarsi tutte le chips.

Per chi ha giocato questa disciplina (il sottoscritto ne sa qualcosa), è quasi impensabile pensare di rompere pre 100x con mani quali A-Q o J-J, a scanso di dinamiche particolarmente accese.

Bene. Una mano giocata poche settimane fa dal regular ‘GlitchSystem‘ ci fa ben capire come dall’altra parte le cose siano un po’ diverse. Premesso che non abbiamo info sugli avversari, che potrebbero essere occasionali impazziti, passiamo a raccontarvi lo spot.

Come detto siamo al ‘Triangulim’, il 0.50/1€ 6-max zoom dot com.

Utg (stack 64€) apre a 3.50€. Cutoff (stack 102€) tribetta a 10€. Bottone (stack 208€) cold-calla 10€. Dopo il fold small blind la parola arriva a ‘GlitchSystem’ (stack 209€) che si ritrova da big blind con AK e cold 4-betta a 33€. La parola torna a Utg che decide di chiamare, investendo mezzo stack (e in questo caso, sì, siamo certamente davanti a un fish). Chiama cutoff. E bottone? Ecco l’impensabile 5-bet shove da 208.91€. Su questa action ‘GlitchSystem’ non può tirarsi indietro. La giostra è partita. Chiama Utg e chiama anche Cutoff!

Il board è quello che vedete in copertina: QJJJ3

Peccato, Hero non è davvero riuscito a prenderne una…

Si procede dunque con lo showdown: Utg mostra 56. “Va be’, questo era chiaro avesse una mano random – avrà detto tra sé e sé Hero.”

Arriva il turno di cutoff che mostra… K10 “Ci sta, da ultimo se l’è gamblata”.

Si giunge dunque a bottone che avrà sempre qualcosa come 9-9, T-T e bye bye pot. Alle carte…

bottone mostra A9!

Woah! ‘GlitchSystem’ si assicura un pot da 582.03€ non sapendo bene come… Diciamo solo che, a prescindere dalle presunte skills avversario, questo spot rappresenta bene la serenità presente nel DNA straniero nel metterle tutte al centro senza troppi patemi.

Per vedere uno spot così sul .it servirebbero almeno un paio di misclick! 😉

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari