Sunday, May. 22, 2022

Strategia

Scritto da:

|

il 18 Dic 2015

|

 

E’ possibile passare full house? Alec Torelli e l’analisi di uno spot tricky

E’ possibile passare full house? Alec Torelli e l’analisi di uno spot tricky

Area

Vuoi approfondire?

Video su Youtube e un blog totally free: il professionista americano high stakes, Alec Torelli, continua a regalare interessanti freecoaching sul web.

Take your game to the next level, now!“. Porta il tuo gioco al livello successivo, adesso! E’ questo il motto di Alec, che in una delle sue ultime clip ha analizzato uno spot davvero molto interessante di un suo ‘fan’, impegnato in un cash game live 1-3$.

Il tavolo è 9-handed e nella mano in questione ci sono ben 5 limp a 3$. Hero (stack 400$) rilancia a 20$ con AA da bottone ricevendo il call dello small blind (regular, stack 400$) e il call di uno dei limper (unknown, stack 205$).

“Il call di small blind rappresenta sicuramente una mano di valore: spesso avrà qualcora come 10-10, J-J o qualche altra pair, o una mano come A-Q. Il range del limper è invece ovviamente molto più ampio.”

Il flop recita Q82.

“Questo è sicuramente un ottimo flop per hero, sul quale sarà sempre disposto a brokare. Imprevista, però, arriva la donkbet di small blind a 35$. Il suo range comprende a questo punto mani come A-Q, small flush draw, set, talvolta semplicemente top pair, ma è praticamente impossibile che non abbia equity: il bluff è totalmente da scartare. Dopo il fold di mp, hero rilancia a 110$: questa mossa non mi piace particolarmente visto che faremmo foldare tutta la parte del range più debole di oppo, overplayando, per certi versi, la nostra overpair. Qualora oppo decidesse di chiamare qui avrà sicuramente più di una coppia. Penso sia molto meglio limitarsi al call visto che non riusciremo mai ad estrarre valore contro un giocatore preparato in questa dinamica.”

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Small blind flatta e si arriva al turn: 2. Check-check.

“As played flop non mi dispiace il check behind al turn. Hero può prendersi il river gratis e migliorare ulteriormente il suo punto.”

Il river è un 2 e villain decide di andare all-in 250$ su pot da 295$:

“Ora c’è soltanto una domanda da porci: ‘è possibile che il nostro avversario abbia A-Q?’. Se pensiamo sia così, il call diventa piuttosto facile e profittevole visto che avremmo il 50% di equity in uno spot in cui basterebbe essere buoni 1 volta su 3 (32.2%). Le restanti mani che pushano qui sono invece quelle che ci battono: Q-Q e 8-8. Se Q-Q è più improbabile, visto che avrebbe potuto 3-bettare pre, 8-8 rientra pienamente nel range. Da escludere ogni eventuale 2-x con il quale un reg non avrebbe mai flattato da small. In game è sicuramente complicato passare, e in tutta onestà, se avessi tenuto questo linea probabilmente avrei optato per il call, senza però essere troppo contento…”

Anche hero opterà per il call, e sarà costretto a muckare dinanzi a 88 del suo avversario. C’è qualcuno che sarebbe stato in grado di foldare? Condividete l’analisi di Alec? Ditecelo sulla nostra pagina Facebook!

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari