Friday, Apr. 19, 2019

Strategia

Scritto da:

|

il 22 Mar 2019

|

 

Parliamo del 6+Hold’Em: le regole del gioco

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Parliamo del 6+Hold’Em: le regole del gioco

Area

Vuoi approfondire?

E’ di ieri l’arrivo su PokerStars del 6+Holdem, la nuova tipologia di gioco col mazzo a 36 carte che da qualche anno a questa parte sta spopolando dal vivo, in particolare nelle partite cash game high stakes, con il nome di ‘Short Deck Poker’.

Sul blog di PokerNews sono state analizzate e commentate tutte le caratteristiche di questo Short Deck.

A tal proposito vediamo le opinioni di alcuni top player sul formato.

Secondo Rick Ryan il classico “No-Limit Hold’em” è caratterizzato dal “metagame” ed è diventato un po’ stantio e prevedibile.

“Il poker è una danza in cui tutti conoscono le mosse”. L’entrata del 6+ Hold’em (lo Short Deck Poker) ha portato una ventata di aria fresca.

Le strategie e i concetti dello Short Deck sono ancora nelle prime fasi esplorative.

Analizziamo ora le regole del gioco in modo da poter imparare questa nuova “danza”.

 

Il regolamento di gioco

Le meccaniche dello Short Deck rispetto al classico Hold’em sono abbastanza semplici da apprendere considerando che la struttura del gioco non differisce di molto.

All’inizio della mano tutti ricevono due carte che però non sono date da un mazzo standard: nello Short Deck infatti le carte dal 2 al 5 vengono rimosse, il mazzo quindi che normalmente ha 52 carte sarà composto da 36 carte.

Le mani vengono giocate come al solito usando le due carte ricevute e cinque carte dal banco che compongono il flop, il turn e il river. Il valore delle mani cambia leggermente a causa della nuova composizione del mazzo di carte.

Non esistono più regole “standard” per decidere il valore che stabilisce un grado alle rispettive combinazioni.

Solitamente nello Short Deck il colore batte il full; in alcune partite inoltre il tris batte la scala – ma non in tutte e quindi è bene informarsi prima di iniziare a giocare (online su PokerStars, la scala batte il tris).

Le strutturazioni per Blinds e Ante variano per lo Short Deck.

Mentre alcuni giocano utilizzando Blind / Blind+Ante, il formato che sta guadagnando più popolarità non comprende l’utilizzo dei Blinds ma solo l’Ante.

In questo formato il giocatore che si trova sul bottone inserisce il doppio dell’ante.

Il primo a parlare è sempre il giocatore alla sinistra del bottone, quello che nel classico NLHE è la posizione di small blind.

Ogni giocatore ha la possibilità di chiamare semplicemente inserendo un secondo ante,  ma può anche foldare o raisare.

Il resto della mano procede come da classico Hold’em.

 

Ottimizzazione delle regole

Il pro player Jason Somerville è tra i primi sostenitori del nuovo gioco e sostiene che lo Short Deck è la modalità che rivoluzionerà il poker, paragonando il suo andamento a quello del Pot-limit Omaha.

“Nello Short Deck c’è tanta azione poiché tutte le mani sono molto simili preflop. Specialmente giocando con la struttura ad ante, ragione in più per cui i giocatori sono attratti potendo giocare molte mani. È sempre molto divertente. Non ci sono molti fold, specialmente negli high stakes. Preflop c’è sempre molta azione e questo rende le cose più interessanti ed emozionanti”.

L’attrazione per la modalità Short Deck è incrementata nell’ultimo anno.

Somerville ha espresso la sua opinione sui vari disaccordi nati tra i giocatori sul modo ottimale di giocare.

Per quanto riguarda la scala contro il tris il pro player statunitense preferisce considerare la scala un punto superiore.

La ragione è che la giocabilità migliora e le azioni sono più emozionanti. L’antitesi più comune è rappresentata dal fatto che è più facile ottenere una scala rispetto ad un tris, tuttavia è anche più alta la probabilità di avere una coppia.

“Dal punto di vista di divertimento o di giocabilità, quando la scala non batte il tris, se hai 7-8 su un board da 6-9-10, stai giocando una mano morta. Non è molto divertente quando floppi una scala e il tuo avversario con 10-10 ti batte. Quindi questa determinazione dei valori rende il gioco poco divertente”.

Somerville ha anche dichiarato che la struttura double-ante con bottone è la sua preferita. Punisce il gioco tight e invita i player a giocare più mani.

Ciò mantiene costantemente il valore dei piatti elevato e crea più azione per tutti. Le basi del gioco sono dunque molto facili da apprendere.

 

Se vuoi iniziare a giocare 6+Holdem iscriviti a PokerStars!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari