Wednesday, Feb. 19, 2020

Strategia

Scritto da:

|

il 16 Gen 2020

|

 

Come gestire 10-10 su un allin preflop: il TP di Jonathan Little

Come gestire 10-10 su un allin preflop: il TP di Jonathan Little

Area

Vuoi approfondire?

Il professore Jonathan Little ci propone un nuovo quesito settimanale. Questa volta è uno spot giocato direttamente dall’americano al WPT Borgata Open e che racchiude una situazione molto frequente sia per chi gioca live e sia per chi grinda online. La gestione di una coppia come 10-10 quando siamo deepstack e vicini alla bolla, sul push in 3bet di un rivale.

Uno spot molto comune se vogliamo, ma analizzato come sempre alla perfezione da Jonathan Little. E’ il thinking processes che fa la differenza e quello che soprattutto ci interessa in questa situazione. Il noto player/coach/articolista americano analizza la situazione: dal suo stack a quello del rivale, su quale range posizionare oppo e con quale range è giusto chiamare. Insomma il solito perfetto monologo.

La mano

Jonathan Little è al day 2 del “$3.500 WPT Borgata” e con 100 big blind a formare lo stack (quasi 400 mila pezzi), quando non mancano  molte eliminazioni allo scoppio della bolla. Si entra quindi in una fase calda, dove i deepstack sono chiamati a condurre le danze.

Nel livello 2.000-4.000 Big Blind Ante 4.000, il player di under the gun apre a 9.000 e da UTG+1 l’americano con 10 10 opta per il call. “Avrei potuto tranquillamente 3bettare con il mio stack di 100 big blind e con la mia coppia. Ma preferisco non alzare oltre modo il piatto e giocarmi le mie chance post flop. Con il call infine, c’è la possibilità che qualche short stack possa muovere in allin. Flattare in questo caso lo ritengo giusto“.

Le previsioni di Little si avverano e il giocatore da High Jack 3betta allin per 110.000 chips totali. L’original raise passa e la parola torna all’americano. E qui inizia la lunga riflessione dell’americano.

Il suo push vale 28 big blind. Non si tratta di un investimento eccessivo, in quanto se dovessi chiamare e poi perdere, avrei ancora un 70% dello stack attuale. Una cifra discreta per affrontare la fase bolla. Devo prima di tutto fare una selezione del possibile range del mio avversario e poi cercare di capire il valore del mio range sull’eventuale call“.

Oppo si è dimostrato un giocatore molto ragionevole al tavolo. Non ha effettuato giocate astruse e non ha commesso errori madornali. Dunque difficilmente ci troveremo davanti ad un allin con aria. Non per forza deve avere una Premium in mano, ma nemmeno dobbiamo sotto valutare il suo possibile range”

Se ci trovassimo di fronte ad un giocatore iperchiuso, l’unica azione corretta sarebbe il fold. Ma pur essendo un giocatore ragionevole, sono portato a pensare che il suo range possa allargarsi in maniera più ampia, rispetto alle classiche mani Premium. Abbiamo bisogno di vincere almeno il 42% delle volte in questo spot. Considerando il suo stack e il fatto di essere vicini alla bolla, mi autorizza a credere che il suo range possa comprendere anche A-Q/A-J/A-10, oltre a coppie inferiori alla mia come 9-9 o 8-8“.

Addirittura in certi casi il suo range può allargarsi a K-Q, K-J, Q-J, J-10 o 7-7. Insomma data la situazione, non è improbabile una mossa del genere, cercando di forzare una mano che ha molto meno valore della mia. Con un range del genere, la nostra equity sale al 57%”.

“Fatte queste premesse quindi, non dobbiamo avere paura di callare il push del nostro avversario. Qualche volta saremo dominati, ma nella maggior parte dei casi partiremo noi in vantaggio, fra mani che dominiamo e coinflip da vincere“.

Little chiama e il suo rivale mostra A 8 , per una lettura perfetta da parte dell’americano. Il flop K 6 4 aggiunge pepe alla mano, ma sia 3 turn e 2 al river escludono il colore a picche per oppo. Il pot da 239.000 gettoni prende la via di Jonathan Little, sempre più deep verso lo scoppio della bolla.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari