Tuesday, Sep. 22, 2020

Strategia

Scritto da:

|

il 7 Giu 2020

|

 

Foldare i mostri ai Tavoli Finali spiegato da Alessio Di Cesare

Foldare i mostri ai Tavoli Finali spiegato da Alessio Di Cesare

Area

Vuoi approfondire?

Nelle fasi iniziali dei tornei di poker ogni decisione deve essere ponderata in base alla aspettativa di vincita in chips che riporta (spesso viene usata l’abbreviazione cEV).

Nelle fasi conclusive dei multi-table tournament invece bisogna tenere in conto della aspettativa di vincita in termini monetari (abbreviata in $EV), visto che anche un solo scalino del payout può significare un bel gruzzolo in più messo in cassa, specialmente nei tornei molto grandi.

Per capire la differenza tra le due prospettive ci è stato di aiuto Alessio Di Cesare, che in occasione di uno dei nostri ‘punti di vista’ ha voluto valutare la mano oggetto dell’approfondimento in termini monetari invece che in chips .

Nello spot in questione il protagonista si trova a spillare Coppia di Donne da piccolo buio con uno stack di 56bb, dopo che il chipleader del tavolo si è isolato da bottone sull’openpush per 17bb del giocatore da middle position.

In termini di chips gli specialisti di tornei che si sono espressi sulla mano hanno concordato nel dire che è un call facile, ovvero molto positivo in termini di chips vinte sul lungo termine.

Al contrario, ragionando in termini di aspettativa di vincita monetaria, nella stessa situazione il fold è l’opzione migliore e neanche di poco, come ci spiega Alessio di Cesare.

 

Un easy fold

“Per ICM del final table quando il chipleader del tavolo si isola è un easy fold, qui è call solo con K-K e A-A. E se devo essere sincero di KK neanche sono sicuro, è anche possibile che per ICM Nash faccia reshovare solo Coppia di Assi”.

A spostare nella decisione ovviamente sono lo stack molto giocabile e gli avversari molto short:

“Credo che in questo spot Q-Q sia abbastanza negativo, ovviamente A-K è molto più negativo di Q-Q, ma se lo guardi sui Solver (vedi sotto, ndr) ti dicono di foldare. Credo anche che nella stessa mano con K-K, per quanto possa sembrare assurdo, il fold potrebbe essere una decisione leggermente più profittevole”. 

 

Quando l’edge sposta sulle decisioni “close”

In definitiva quindi per Alessio la decisione con coppia di Donne è elementare più che facile. Quando le cose sono invece più sfumate e marginali Alessio dice che un fattore pesante sulla decisione è l’edge che percepisce di avere sul tavolo:

“L’edge sul tavolo è un parametro che uso per valutare se propendere più per fold o call negli spot close. Più pensa di avere un vantaggio e più un buon giocatore di poker folda gli spot marginali, ovviamente parliamo di stack consistenti non con 10bb. Al contrario, meno pensa di avere vantaggio più deve prendere gli spot marginali”

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Il field rientra anche in un altro parametro utilizzato nelle decisioni sui marginali:

“Quello che un po’ mi ha insegnato anche questa quarantena è che nel dubbio su punto it è meglio propendere per il fold, mentre sul punto com per giocare. Su punto it la gente gioca per cooler, gioca le carte intese come starting hand di valore, quindi davanti ad azioni che dimostrano estrema forza generalmente si può foldare con serenità”

 

La decisione giusta a livello teorico non è sempre quella giusta in assoluto

Alessio si lancia poi in un excursus davvero interessante sul ruolo della matematica in un gioco come il poker, sottolineandone l’aspetto umano che affianca quello più logico.

“La matematica insegna che tutto è vero e tutto è falso in un gioco come il poker. Tutto è vero se tutti gli avversari sanno shovare Nash ICM , quindi sono tanti se e tanti ma. Per questo il poker è un gioco opinabile e questa è la sua bellezza. C’è una decisione giusta a livello astratto e teorico, ma non è giusta in modo assoluto perchè al tavolo ci sono persone in carne e ossa che non sono macchine e quindi tu non sai esattamente i loro range e come ragionano”.

Calando la notazione nello spot specifico:

“Magari se il giocatore che va all-in aveva shovato il 100% delle volte e aveva fatto double-up uncontested perchè foldavano tutti e in quello spot shova e posso assumere che il chipleader abbia un range tipo KJs+ A8s+, con queste dinamiche QQ diventa anche positivo”

 

Lo spot per l’equilibrio di Nash in ICM

Abbiamo dato in pasto la mano di cui ha parlato Alessio, impostando a titolo di esempio il payout dell’Afternoon On Stars, a un solver, ossia a un programma che in base allo stack dei giocatori e al payout del torneo calcola il punto di equilibrio dei push.

Secondo questo equilibrio il giocatore su MP2 deve openpushare con l’11,3% delle mani, e sul suo push il chipleader del tavolo da bottone si isola il 5,1% con coppie dai Nove a salire e AQ+.

Hero, il protagonista della mano, deve chiamare solo con KK e AA, come detto da Alessio:

nash icm calculator coppia donne su overpush in isolation del chipleader

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari