Saturday, Jul. 20, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 20 Giu 2012

|

 

WSOP 2012 – 19 giugno: Giovanni Rizzo vola alto, Longobardi ITM, ennesimo FT per Ivey!

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

WSOP 2012 – 19 giugno: Giovanni Rizzo vola alto, Longobardi ITM, ennesimo FT per Ivey!

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Mixed Games, questi… conosciuti! Le specialità che coinvolgono più discipline di poker riunite assieme sembrano essere particolarmente gradite ai giocatori italiani, nonostante la poca diffusione sul suolo nazionale.

All’8-Game da 2.500 $, specialità tecnicissima che vede riuniti 2-7 Triple Draw, Limit Hold’em, Omaha Hi-Lo, Razz, Stud, Stud Hi-Lo, No Limit Hold’em e Pot Limit Omaha, tre italiani si mettono in luce riuscendo a passare il day 1 in gran forma, sopra average. E non sono certo nomi sconosciuti!

Max Pescatori imbusta a fine day1, e così fa anche Dario Alioto, già reduce da un ITM al Pot Limit Omaha da 5.000 $ conquistato pochi minuti prima di iscriversi all’8-Game. Ma soprattutto, in grandissima forma, troviamo lo specialista di varianti Giovanni “gioriz” Rizzo, che dimostra la sua bravura nei limit e mixed games chiudendo la prima giornata in sesta posizione nel chipcount, nonostante un grosso piatto perso ad Omaha in coinflip che lo avrebbe mandato chipleader.

La bandiera tricolore ha avuto meno fortuna nell’evento 35, il Mixed Hold’em da 2.500 $. Eliminati Flavio Ferrari Zumbini e Marco Traniello, le speranze azzurre erano riposte in Dario Sammartinoma “MadGenius87” è stato vittima di un fatale “scoppio al river” che lo ha condannato ad uscire come bubble man dell’evento!

Altri italiani erano impegnati nell’evento numero 36, 3.000 $ Shootout. Solo chi arriva in prima posizione al proprio tavolo avanza al turno successivo… non è stato così per Luca Falaschi, e nemmeno per Massimo “MAXSHARK” Mosele, che dopo aver eliminato Daniel Negreanu non è riuscito a proseguire fino alla fine del round. Ci riesce invece Alex Longobardi, dopo un interminabile heads up contro Shane Douglas: il “Doge” conquista così un premio assicurato da 9.000 $ circa, e domani proverà ad avanzare ancora, verso i premi che contano davvero!

Infine, la notizia che ormai non fa più notizia: Phil Ivey raggiunge il quinto tavolo finale di queste WSOP. All’evento Mixed Hold’em sopra citato, il Tiger Woods del poker è riuscito ad arrivare tra i primi nove, e domani ripartirà con il settimo stack al tavolo, per provare ancora una volta ad agguantare il sospirato nono braccialetto della sua carriera!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari