Wednesday, Oct. 23, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 4 Lug 2012

|

 

WSOP 2012 – 10K 6max: bene gli italiani, ma dov’è finito Dario Minieri?

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

WSOP 2012 – 10K 6max: bene gli italiani, ma dov’è finito Dario Minieri?

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Siamo all’inizio di quello che da molti viene considerato il torneo più duro di tutte le WSOP nella disciplina dell’Holdem No Limit: il 10.000 $ six-handed.

Un torneo che raduna i più forti giocatori del mondo, tanto per farvi capire lo scorso anno lo vinse Joe “ender555” Ebanks in heads contro Chris Moorman, gente che online ha guadagnato sui 4 milioni di dollari circa a testa. In un final table che rimarrà alla storia come il più difficile di sempre con Bertrand Grospellier, Mike Sowers e Tristan Wade.

Quest’anno il field non è da meno. Ah, piccola curiosità: “Bob” Voulgaris reduce dal One Big for One Drop si presenta al 10k a colpi di Twitter esordendo così:

Se per qualcuno i soldi del 10k sono come quelli del Monopoli, per alcuni soprattutto gli italiani l’investimento non è indifferente né in termini monetari né in termini di EV al tavolo.

E infatti i volti che trovi sono quelli coi roll più solidi alle spalle: Andrea Dato, Dario Sammartino, un Rocco Palumbo in piena forma, Mustacchione, MaxShark, Antonino Venneri, Alex Longobardi.

Il team Sisal schiera un pro, Cristiano Guerra e un “Friend”, Nicola Pegoretti, pronti a dare battaglia in tavoli per nulla facili.

Crisbus specialmente capita con Joe Cada e Noah Schwartz, anche lui reduce dal “Torneo del Milione di Dollari”. Per Cristiano continua la striscia negativa perché come dicono ora i pokeristi “non escono mai le sue”: in tornei come questi ti devi adeguare a un field che ha portato il livello di gioco del six handed a una difficoltà spaventosa e a livelli di ragionamento, mano dopo mano, molto ma molto elevati. Solo che come in tutti i giochi bisogna hittare e il Crisbus nazionale non ha mai questo privilegio da circa 20 tornei.

Vi ricordate di MaxShark e delle sue lamentele sulla bad run? Bene dimenticatevi tutto perché oggi lo Massimo “lo Squalo” Mosele stanno viaggiando a gonfie vele, con l’unico problema che a procurargli il double up è stato proprio il suo compagno di viaggio e di stanza Alex Longobardi. La sorte li piazza allo stesso tavolo è ovviamente incappano nel coolerone della vita: con AA vs QQ.

Con la coda dell’occhio intravediamo anche Daniele Guidetti stretto nella morsa, a destra di Annette Obrestrad (idolo personale di chi vi sta scrivendo n.d.r.) e a sinistra e quindi in posizione di un Lex Veldhuis in versione Poker Champagne. Guidetti perde una brutta mano con KK contro l’avversario in draw a colore che chiude al river; rimasto short mette da peggio con A9 in un allin a 3 ed è out dal torneo.

Rocco Palumbo dopo altalene continue vince il piatto che lo rilancia nel torneo hittando il tris contro la coppia dell’avversario e sul finale di nuovo full contro la top pair dell’avversario. Si rende poi protagonista dell’eliminazione di Allen Bari che tribet pusha la sua apertura e snappa il pro di Winga: AJ vs KT e fine dei giochi per il pro americano.

Ah scoop della giornata: l’arrivo tanto annunciato di Dario Minieri…beh era un bluff, qui Dario non c’è nonostante fosse atteso. Che fine ha fatto il pro di Stars.it?

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari