Saturday, Sep. 21, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 30 Mar 2014

|

 

Tana delle Tigri – Il ruggito è di Gino Censori, solo quinto Kabrhel

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Tana delle Tigri – Il ruggito è di Gino Censori, solo quinto Kabrhel

Area

Vuoi approfondire?

PRAGA – Si chiude con il trionfo di Gino Censori la nona edizione della kermesse in terra ceca solo dopo la resa di Andrea Nunes al testa a testa finale.
Batte dunque ancora una volta bandiera tricolore l’edizione sponsorizzata da Eurobet che ha visto, tre giorni fa, ai nastri di partenza 183 iscritti.

Merito soprattutto delle ottime performances dei “nostri”, ma anche, con il massimo rispetto per gli altri pretendenti, del finale di torneo in sofferenza per quello che in molti ritenevano essere l’uomo da battere.
Stiamo parlando del padrone di casa Martin Kabrhel, autentico rullo compressore sia ieri in piena zona bolla, che oggi quando ancora gli stack erano sufficientemente “deep” da mettere in risalto le indiscusse skills del praghese.
Il suo gioco iper-aggro però si è suo malgrado dovuto interrompere quando ha alzato bandiera bianca in quinta piazza certificando che la vittoria sarebbe andata a un nostro portacolori.

Si ripartiva in 18, tutti “in the money”, verso la conquista della prima moneta da 20.250€ con le prime eliminazioni che non tardano ad arrivare visto il gioco particolarmente “allegro” di alcuni rounders e lo stack ridotto all’osso di altri.

Gioco che, come da copione, rallenta invece sensibilmente con l’avvicinarsi del tavolo finale a 9 nel quale non riesce sul filo di lana ad approdare Alessandro De Marzi, comunque ottimo interprete per tutto l’arco dell’evento.

Al final table Kabrhel parte da chipleader e sembra avere la strada spianata verso un facile successo quando elimina il connazionale Sourek in una mano di difficile comprensione con quest’ultimo che si gioca il torneo in un hero call al river con Ace high su board accoppiato.

Da questo frangente in avanti però il ceco non vuole cambiar marcia e forse il troppo ego pokeristico lo porta a ridistribuire la montagna di chips accumulate.
Diametralmente opposta l’ottima tenuta, sopratutto mentale, di Francesco De Vivo capace di resistere fino al quarto posto finale nonostante una paio di split spot sfortunati.

nunes
A tre left, Censori, Nunes e Spinucci optano per un deal decidendo comunque di giocare per la gloria e l’ambito “tigrotto”.

Il terzo gradino del podio di Spinucci è il giusto riconoscimento per colui il quale è sempre stato nelle zone nobili del chipcount, oltre alla vetta ottenuta nel Day1, mentre al testa a testa conclusivo è un flush draw non concretizzato da Nunes a far calare il sipario nella poker room del Card Casinò. 

Censori Gino 20.250€
Nunes Andrea 13.200€
Spinucci Alberto 9.900€
De Vivo Francesco 7200€
Kabrhel Martin 5450€
Negri Emliano 4300€
Sorrenti Massimiliano 3500€
Rositi Niki 2820€
Sourek Martin 2320€
De Marzi Alex 1880€
Kokoceva Veronika 1580€
Zollo Massimo 1320€
Zigrossi Andrea 1180€
Sasek Milan 1180€
Leggi Elisabetta 1040€
D’ambrosio Raffaele 1040€
Rudziankov Artur 920€
Pisano Antonio 920€

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari