Sunday, Nov. 28, 2021

Poker Live

Scritto da:

|

il 9 Lug 2014

|

 

WSOP 2014: undici italiani passano al Day 3! Ottima giornata per Michele Limongi e Christian Nuvola

WSOP 2014: undici italiani passano al Day 3! Ottima giornata per Michele Limongi e Christian Nuvola

Area

Vuoi approfondire?

E’ terminato da poco il Day 2A/B del Main Event WSOP, per cui si sono presentati ai tavoli a inizio giornata 1.933 giocatori, ovvero quelli qualificatisi a chiusura del Day 1A di sabato e del Day 1B di domenica.

I cinque livelli di giornata, come di consueto non avari di sorprese, hanno consegnato la chiplead a Tim Stansifer, il quale ha potuto sigillare sorridente in busta ben 481.500 chips, con un discreto vantaggio su Tom Cannuli (407.800). Terzo posto provvisorio per Tony Ruberto con uno stack di 402.700 gettoni.

Maiuscola la prestazione di Martin Jacobson, protagonista già al Day 1, che si conferma in ottima forma: lo svedese veleggia col vento in poppa in top ten, è attualmente nono con 342.700 chips.

Nella top 30 anche Antonio Esfandiari, 23° con 277.800, e il campione EPT Tom Middleton, 30° con 252.400 gettoni conquistati. Si rivede nelle parti alte del chipcount anche Chris Moneymaker, al tavolo televisivo con Bendinelli per tutta la giornata di gioco, 38° con un rispettabile stack di 222.000 chips.

Trovano spazio nella top 100 anche Faraz Jaka (60° – 195.000), Kevin McPhee (68° – 182.000), Ole Schemion (70° – 180.900), Marvin Rettenmaier (76° – 173.200) e Phil Galfond (83° – 165.900).

Niente Day 3, invece, per giocatori del calibro di Greg Merson, Mike ‘The Mouth’ Matusow, Yevgeniy Timoshenko, Liv Boeree, Vanessa Selbst e Scott Seiver. Delusione, anche se mitigata da un’estate davvero eccellente alle WSOP, per Brandon Shack-Harris e il bi-braccialettato George Danzer: i due, in testa alla classifica ‘player of the year’, escono dal Main Event pressoché in simultanea.

E gli italiani? Giornata di luci e ombre per i nostri connazionali, con undici che passano al Day 3 e altrettanti che abbandonano il sogno chiamato World Series of Poker.

Guida la truppa azzurra l’esperto Michele Limongi (180.900), seguito da Christian Nuvola (163.400) e dal pro di Poker Club Max Pescatori (147.900). Giornata positiva anche per Filippo Galtieri (128.000), Giuliano Bendinelli (110.000), Alessio Isaia (107.000), Michael Tabarelli (58.300), Dario Sammartino (53.000), David Bravin (48.100), Enrico Mosca (42.000) e Andrea Carini (39.700).

Eliminazione, invece, per Andrea Dato, Giacomo Fundarò, Silvano Pillon, Cristian Viali, Leonardo Romeo, Carlo Savinelli, Sergio Castelluccio, Roberto Musu, Salvatore Bianco, Daniele Vadacchino e Michele Bianchi.

Christian Nuvola: Sono contento di come è andata oggi, a parte uno spot con 5-5, penso di aver giocato abbastanza bene. Peccato per l’ultima mezz’ora, nella quale ho perso circa 25.000 chips. Sono comunque sopra average, sono soddisfatto.

Andrea Carini: Ultimo livello veramente pessimo, ci vuole un giorno per stiltare. Ho passato l’intera giocata a costruire uno stack decente, poi tre mani veramente brutte durante l’ultimo livello. La principale quella nella quale ho overpair e l’avversario setta… ci ho perso circa metà stack.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Michele Limongi: Giornata abbastanza positiva, peccato solo per un flush over flush che, però, potevo foldare. Non avrebbe mai puntato con un set, ad esempio. Sono colpi che comunque capitano.

Alessio Isaia: Non saprei che dire. Sono stato piuttosto costante oggi, non è successo nulla di ché, diciamo che siamo sopravvissuti. Speriamo accada qualcosa di più interessante al Day 3.

Giuliano Bendinelli: Ho giocato una mano molto brutta con 3-3, forse la peggiore della carriera. Ho cambiato idea tre volte, così l’ho giocata completamente a caso, frutto anche della frustrazione per il fatto che nelle ultime tre ore non mi era andato a buon fine nulla. Ho chiuso comunque a 110.000 chips.

Max Pescatori: Sono carichissimo. Con un boost finale nell’ultimo livello, ho concluso da chipleader del tavolo, lasciando tutti gli avversari sotto le 60.000 chips. Ciò dovrebbe garantirmi di non trovare altri big stack ad inizio Day 3. Adesso dovrò stare attento a non ripetere errori che mi è già capitato di commettere in passato nel terzo giorno di torneo.

 

Ecco, comunque il chipcount relativo alla top ten del Day 2A/B:

  1. Tim Stansifer – 481.500
  2. Tom Cannuli – 407.800
  3. Tony Ruberto – 402.700
  4. Joe Kuether – 401.200
  5. Zhen Cai – 367.900
  6. John Sacha – 364.400
  7. Munir Shahin – 361.900
  8. Tom Roupe – 349.600
  9. Martin Jacobson – 342.700
  10. Joe DeGeorge – 342.200

 

Adesso concediti dieci minuti e guarda la puntata odierna di ‘vegas2italy’, con Seidel al microfono di Rudy Gaddo e il campione NBA Paul Piercepizzicato’ al tavolo con Alfonso Amendola!

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari