Tuesday, Oct. 15, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 9 Giu 2018

|

 

Ma come fa? Justin Bonomo dopo il SHRB vince il suo secondo braccialetto WSOP!

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Ma come fa? Justin Bonomo dopo il SHRB vince il suo secondo braccialetto WSOP!

Area

Vuoi approfondire?

Raccontare le imprese dei grandi campioni nei tornei di poker è bellissimo, ma a volte si resta davvero a corto di aggettivi…

Del resto come fareste voi a commentare il secondo braccialetto WSOP in carriera di Justin Bonomo, arrivato appena una settimana dopo da quei 5.000.000$ incassati nel Super High Roller Bowl 2018?

Bonomo stanotte si è imposto nell’Heads-up Championship delle World Series, torneo dal buy-in importante che si rivela sempre tecnico e appassionante.

In questo modo Bonomo ha bissato il suo precedente shippo alle Series che risaliva al 2014, quando vinse 449.980$ in un Six Handed da 1.500$ di buy-in.

 

Event #16: $10,000 HU NL Hold’em Championship

Sto sognando“. Questo è quello che è riuscito a dire Justin Bonomo dopo essersi messo al polso il secondo braccialetto WSOP della sua carriera, in un’annata che era già storica per lui.

Bonomo, recente trionfatore del Super High Roller Bowl, ci ha messo poco a vincere alla 49esima edizione delle World Series, imponendosi tra 114 entries nell’Heads-Up NL Hold’em Championship.

Nell’ultima giornata di questo bellissimo Championship si sono giocate le semifinali e poi la finalissima che metteva in palio una prima moneta da 185.965 dollari.

Bonomo non ha esultato più di tanto quando ha battuto il 25enne britannico Jason McConnon in heads-up. L’americano ha spiegato: “Il primo braccialetto è stato speciale, perché veniva dopo quattro secondi posti. Questo è bello solo perché fa parte di una mia incredibile striscia di risultati positivi. Spero che continui“.

Bonomo ha dovuto battere complessivamente sette avversari nel Championship. Tra Day 1 e Day 2 si è sbarazzato di David Peters, David Laka, Jake Schindler, Niall Farrell e Mark McGovern.

Nella sua semifinale ha fatto fuori l’olandese Martijn Gerrits e poi è stato fortunato contro McConnon nella finale: “McConnon è stato l’avversario più tosto sulla mia strada. Prima di oggi non lo conoscevo ma ho scoperto che è un fortissimo giocatore di cash high stakes online“.

Per la cronaca, McConnon ha battuto nel suo torneo Peter Neff, Adrien Allain, Faraz Jaka, Galen Hall, Kahle Burns e Juan Pardo Dominguez.

 

Event #15: $1,500 H.O.R.S.E.

Il Day 3 dell’HORSE è terminato nel bel mezzo di un combattutissimo heads-up tra Andrey Zhigalov e Timothy Frazin. In palio ci sono 202.787 dollaroni di prima moneta oltre al braccialetto, mentre il runner-up si dovrà accontentare di 125.336 dollari.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari