Friday, Dec. 13, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 5 Set 2014

|

 

Miniucchi e l’anno della consacrazione: “Ora la leaderboard IPT, nel 2015 la mia prima a Vegas!”

Miniucchi e l’anno della consacrazione: “Ora la leaderboard IPT, nel 2015 la mia prima a Vegas!”

Area

Vuoi approfondire?

Al termine del day1A, andato di scena ieri in quel del casinò di Sanremo, nella top 10 del count troviamo l’attuale capoclassifica della leaderboard IPT season 6, Marcello Miniucchi.

In questo 2014 il pesarese ha infatti inanellato una serie di incredibile risultati, chiudendo per ben due volte runner-up del circuito live organizzato da PokerStars.

Walter Treccarichi a Saint Vincent e Alessandro De Fenza a Sanremo gli hanno però impedito di mettere la mani sull’ambita picca:

“Per ora è stata una grande stagione – rivela Marcello -, ma devo ammettere che c’è ancora un pizzico di amaro in bocca per il doppio secondo posto. A ogni modo all’IPT ormai mi sento a casa e sono convinto di poter continuare a fare bene: conosco il field a menadito e anche quando mi trovo al tavolo con diversi regular, so sempre come comportarmi. Alla leaderboard non faccio ancora troppa attenzione, difficile fare calcoli sin da ora. E’ chiaro che in zona bolla potrei aggrare un po’ meno rispetto al solito, visto che, comunque, incamerare altri punti farebbe comodo. Vincere un pacchetto per la prossima stagione non sarebbe affatto male, certo che se dovessi scegliere tra il primo posto nella tlb o successo in un IPT, non avrei dubbi…”

Nonostante l’ennesima partenza sprint, “Cavendramin” confessa di non amare alla follia la struttura freeze-out reintrodotta all’IPT:

E’ sicuramente più democratica, ma credo che almeno un re-entry vada inserito. Con l’accumulator si riusciva sicuramente a limitare la varianza, ma probabilmente era un po’ troppo vantaggioso per chi poteva permettersi di giocare tutti e tre i day…”

Nell’estate appena trascorsa, a differenza di tanti player azzurri, Marcello ha preferito staccare un po’ la spina:

“Ho passato le vacanze in famiglia, tanto mare e anche un po’ di montagna. Ho giocato solamente l’IPT di Luglio: niente Las Vegas, niente Barcellona e davvero poco online. Per l’anno prossimo però, ho programmi ben diversi: parteciperò sicuramente ad un paio di EPT e a giugno andrò per la prima volta a giocare le World Series“.

In rapporto a quanto fatto nei tornei nostrani, l’esperienza internazionale di Miniucchi è infatti ancora piuttosto limitata:

“Non ho giocato tanti eventi all’estero: il più bello è stato sicuramente il PCA del 2013 dove ho chiuso 48° perdendo K – K contro Q – Q… In quell’occasione, comunque, me la cavai alla grande e oggi, quasi due anni dopo, penso di essere anche parecchio migliorato. Mi sento dunque più che mai pronto ad affrontare anche i top player mondiali. In questi mesi il poker azzurro ha fatto segnare dei grandissimi risultati, ma credo che solamente una decina di giocatori sia in grado di tenere testa ai più forti. Se sono tra questi lo scopriremo nei prossimi mesi…”

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari