Thursday, Aug. 22, 2019

Poker Online

Scritto da:

|

il 16 Dic 2016

|

 

“Ho giocato HU per anni! Per questo deallo raramente…” Carini racconta il quadruplo shippo in 24 ore su PokerStars

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

“Ho giocato HU per anni! Per questo deallo raramente…” Carini racconta il quadruplo shippo in 24 ore su PokerStars

Area

Vuoi approfondire?

Vincere aiuta a vincere.

Un detto che vale per qualsiasi genere di sport, figuriamoci in un gioco dove la competitività la fa da padrona.

A cavallo tra lunedì e martedì notte Andrea Carini è riuscito a vincere la bellezza di 4 tornei su PokerStars.

Il grinder piacentino, dopo essersi assicurato il prestigioso Sunday High Roller per 7.391€, è andato a prendersi il The Big 15€, il Daily Deep da 30€ e il The Hot da 50€ per ulteriori 2.500€.

“Quando le cose vanno bene, mentalmente si tende sempre ad essere sempre un po’ più sereni. Si è un po’ più confident, si prova qualche mossa in più, si azzarda qualche hero call in situazioni marginali e soprattutto non si vive col timore che i tuoi avversari abbiano sempre la mano migliore. La vittoria di lunedì sera all’High Roller ha certamente inciso tanto nel ‘triplete’ centrato la sera successiva. Ovviamente la run è stata dalla mia, ma credo di aver espresso un gioco privo di sbavature. Dopo un annata non eccelsa, dalla vittoria al 5-card draw ICOOP di inizio novembre a oggi ho avuto un gran bell’up e in generale ho riacquistato grande fiducia in me e nel mio gioco.”

cariii

OMG?_?JOKER” ci ha dunque raccontato le fasi cruciali del domenicale a più alto buy-in (250€) del palinsesto PokerStars:

“Nell’high roller sono stato abbastanza short fino alla bolla. Ma un quads di 10 al flop e bet, bet-shove di oppo, è valso un fondamentale double-up sul finire del day1. Qualche piatto uncontested mi ha dunque permesso di arrivare al day2 con oltre 50x: uno stack del genere a 15 left è tanta roba! Da lì in poi non c’è mai stata una fase particolarmente critica; non dico affatto sia stata una passeggiata visto che il field non era semplice, ma la giocabilità del torneo e uno stack sempre maggiore di 30bb mi hanno condotto al successo, con deal, senza troppi patemi.”

E a proposito di ‘deal‘, Andrea intende fare una digressione tutt’altro che pleonastica:

“Se ci sono scalini da oltre 2.000 o 3.000€ lo prendo in considerazione, visto che sono cifre che spostano intere sessioni, altrimenti preferisco sempre giocare il testa a testa finale. Il mio background da heads-uppista mi ha sempre aiutato tanto in certe situazioni e non tutti i reg MTT hanno sensibilità nell’uno contro uno. Non ne sono certo, ma penso di avere circa il 60-65% di vittorie nei testa a testa conclusivi di un torneo. Ed è un fattore che sposta davvero tanto visto che lo scalino tra primo e secondo è sempre il più grosso che c’è! E’ chiaro che se il deal è ultra vantaggioso non ci sono troppi motivi per giocarsela; per questo, se al The Big 15 e al The Hot 50 ho tirato dritto fino in fondo, al Daily Deep ho accettato l’accordo.”

GG!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari