Il back-to-back sfiorato da Andrea Shehadeh all’888Live Barcellona: “Ci credevo, che rimorso quel call!” | Italiapokerclub

Friday, Jun. 5, 2020

Storie

Scritto da:

|

il 5 Giu 2018

|

 

Il back-to-back sfiorato da Andrea Shehadeh all’888Live Barcellona: “Ci credevo, che rimorso quel call!”

Il back-to-back sfiorato da Andrea Shehadeh all’888Live Barcellona: “Ci credevo, che rimorso quel call!”

Area

Vuoi approfondire?

L’anno scorso aveva trionfato per 110.000€ lasciandosi alle spalle 608 giocatori.

Quest’anno al Main Event 888Live Barcellona c’erano 100 iscritti in più tondi tondi, eppure, incredibilmente, fino all’ultimo Andrea Luigi Shehadeh era in aria di back-to-back.

Il regular racconta di aver iniziato a credere dal Day2 alla doppietta che avrebbe davvero avuto dell’incredibile.

“Fin dalle prime battute del Day2 avevo uno stack veramente deep, tipo 140bb, e mi sentivo davvero confident, sapevo che avrei potuto fare bene. Una volta arrivato al Tavolo Finale le speranze sembravano concretizzarsi, e invece…”

Andrea dice di averci creduto anche per via del field non proprio proibitivo:

“In questo periodo tanti regular che giocano abi alto che sono già partiti per Las Vegas, e chi non lo ha ancora fatto lo farà a breve. I migliori giocatori che ho incontrato in late stage erano l’altro italiano Leonardo Berti, che non conoscevo e si è dimostrato bravo,  e un altro che aveva vinto 4 milioni e mezzo in carriera ma era short ed è durato pochissimo. Sapevo che c’era anche Jacobson ma per fortuna non siamo capitati allo stesso tavolo”.

E anche per la constatazione di avere edge sugli altri giocatori, oggi Andrea rimpiange quel call in blind war che lo ha estromesso dai giochi in settima posizione.

andrea shehadeh mano eliminazione 888live barcellona

“Ho un po’ di rimorso, era la prima blind war che giocavamo e la grafica dello streaming era sbagliata, avevo 16x non 18x. Non conoscevo il ragazzo spagnolo ma altri ragazzi che lo avevano seguito sulla diretta streaming mi avevano detto che era abbastanza aggressivo e che in altri bvb aveva aperto x4 o x5. Quando instashova entrano in ballo tanti fattori, chiamo perchè vado per i massimi visto anche il payout molto più verticale dell’anno scorso. Avessi raddoppiato avrei potuto fare top3 senza giocate particolarmente estrose… Ma quando chiami e giochi al 30% non puoi essere contento in particolare se ti trovi a un tavolo finale, i bei premi sono a portata ma se non fai top3 non li vedi”

In Andrea c’è comunque la consapevolezza di aver espresso un bel poker nell’arco di tutto il torneo:

“Al Day2 vista la profondità del mio stack ho giocato davvero tante mani, ho preso qualche cooler e forse ho lasciato per strada qualche sbavatura, ma nel complesso credo di essere andato molto bene”.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Sullo spot più bello giocato nel corso del torneo Andrea non ha dubbi:

“Con 30x mi ritrovo in un 4way-pot con middle pair e check pusho facendo foldare due top pair! Ovviamente avevo delle informazioni che in quella determinata situazione di gioco mi permettevano una condotta così spericolata ;-)”

Qualche dubbio invece attanaglia il giocatore sulla destinazione dei prossimi giorni:

“Sono indeciso se andare a fare il WPT a Sanremo o a Marbella per il PokerStars Festival. A oggi non ho il passaporto, se riuscissi a farlo nel giro di un mese magari farò un pensiero a una capata a Las Vegas. Peccato essere arrivato vicino a un ticket senza vincerlo all’ISOP di Nova Gorica… Ma se anche non sarà quest’anno pazienza: da qui ai prossimi 50 anni ci sarà il tempo di giocare le World Series!”

Nel salutarci Andrea ringrazia chi lo ha supportato questi giorni:

“Fa sempre piacere ricevere messaggi di good luck, in particolare dai colleghi che sanno bene quanto è duro il nostro lavoro e il tempo gli dedichiamo. Quando vince un regular tra noi colleghi siamo sempre contenti, a differenza degli amatori che spesso non vedono bene la vittoria di un professionista”

 

 

 

 

Photo courtesy 888Live / PokerNews / Gema Cristobal

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari