Monday, Nov. 18, 2019

Poker Online

Scritto da:

|

il 5 Nov 2019

|

 

Da un buio alla vittoria finale: Andrea Sorrentino e un deal rocambolesco all’evento 43 ICOOP

Da un buio alla vittoria finale: Andrea Sorrentino e un deal rocambolesco all’evento 43 ICOOP

Area

Vuoi approfondire?

Mai sottovalutare l’imprevedibilità della stupidità” diceva Tony Pallottola nel film The Snatch, di Guy Ritchie.

Qualcosa di molto simile potrebbe aver pensato Andrea Sorrentino nella notte appena trascorsa, dopo esser stato protagonista di un siparietto a dir poco rocambolesco col suo avversario in heads-up all’evento #43 dell’ICOOP su PokerStars.it

Sorrentino è riuscito ad avere la meglio nel testa a testa finale dopo aver stretto un deal e fin qui nulla di strano…Il bello è tutto ciò che è accaduto prima dell’accordo: sentiamo un po’ cosa ci ha raccontato il protagonista!

Guerra tra bulli

Il torneo giunge all’atto finale con “ANDREXSORRE” in vantaggio su “aasino01” per circa 2 : 1 (4 milioni vs 2 milioni) che rifiuta la proposta di deal senza pensarci due volte:

Mi ha chiesto di dealare…Avevo il doppio delle chip e lo scalino era di oltre 2.000 euro. Ho pensato: ‘Assolutamente no!’ – e abbiamo continuato a giocare.

Nel giro di due mani l’avversario prima ribalta la situazione e poi lo lascia con un buio e mezzo:

Non ci volevo credere, ci son rimasto malissimo in più questo che mi scrive ‘Nice Hand’ dopo che gli ho chiamato un push con A-2s e mi son trovato benissimo come avrete potuto immaginare…Al che la prendo con filosofia e per scherzare scrivo in chat: ‘Guarda che ti volevo dare solo un po’ di vantaggio, adesso recupero…’

Detto, fatto. Nel giro di 7 mani Sorrentino passa da poco più di un buio a circa 3.5 milioni di gettoni:

A questo punto mi ripropone il deal insistendo sull’ICM ma io gli rispondo: ‘Split o giochiamo’

Deal alla pari?

Dopo un breve scambio di opinioni i due contendenti si accordano per un deal alla pari, lasciando 800 euro in palio per il vincitore:

Non appena clicchiamo sulla spunta per dividere in parti uguali vedo che l’avversario mi scrive ‘GG’ in chat e pusha. Io mi trovo con questo A-7 succoso, lo chiamo e vado io, anche perché lui shova una mano a caso. Insomma, non aveva capito che c’era ancora un kappino da giocare e le ha messe in mezzo ATC!

Ad osservare la scena incredulo c’era anche l’amico Lala Olsi, che non perde occasione per scherzare con Andrea: “Ma veramente è successo? Avevi un buio e sei riuscito a prendere 500 euro in meno rispetto al primo posto, l’hai truffato! Ridagli la metà dei soldi!

Ovviamente tutto si è svolto nel rispetto delle regole, ma è indubbio che la fretta di chiudere il torneo dopo aver raggiunto l’accordo e quell’attimo di distrazione una volta messa la spunta sono costati piuttosto cari al runner-up:

Non posso certo sentirmi responsabile se l’avversario non si è accorto dei 900 euro ancora in ballo…” – chiosa Sorrentino.

Lo sceenshot del torneo vinto da Andrea Sorrentino.

I precedenti di Andrea Sorrentino

Andrea ci racconta che in altre circostanze la fortuna non è stata così benevola con lui, anzi:

Alle ICOOP succedono sempre le cose più pazze. Ricordo che almeno due o tre volte mi è capitato di bustare e vedere gli altri fare deal subito dopo. Una volta in un evento bello grosso, dove sono uscito 7° e gli altri 6 si erano spartiti qualcosa come 5/6 K a testa nella mano immediatamente successiva. Anche a un high roller accadde la stessa cosa, ricordo di aver chiuso 6° mentre gli altri 5 si erano messi d’accordo per splittare.”

Se pensate di averne sentite abbastanza per oggi, date uno sguardo al deal più assurdo mai raggiunto al Sunday Special o perché no, buttate un occhio anche a alla distrazione di “brunojuve92”, accordatosi per una cifra inferiore a quella che gli sarebbe spettata di diritto….

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari