Friday, Dec. 13, 2019

Poker Online

Scritto da:

|

il 12 Nov 2019

|

 

Il racconto di una vittoria che ha premiato il più forte

Il racconto di una vittoria che ha premiato il più forte

Area

Vuoi approfondire?

Sono le otto del mattino, il caffè è ancora sul fuoco quando mi ricordo che stanotte c’era il Day2 del Main Event ICOOP. Apro il client di PokerStars e… Cavolo, ha vinto Andrea Crobu!

Subito via Facebook gli invio un messaggio di complimenti. L’heads-up è finito da oltre un’ora e mezzo ma Andrea risponde, ancora non è riuscito a prendere sonno.

Decido di approfittarne per chiedergli se ha voglia di raccontare il suo torneo. Dopo pochi minuti via WhatsApp mi arriva un messaggio audio di quasi sei minuti che poi integriamo con messaggi successivi. Ecco il racconto di Andrea del trionfo di stanotte.

 

Un torneo in discesa

Quando vinci le cose vanno sempre bene. Infatti Andrea dice di aver giocato sul velluto il Main Event ICOOP:

“Il torneo è andato come doveva andare, avevo chiuso il Day1 con uno stack di 180bb che per un giocatore della mia esperienza, che gioca limiti high stakes cash games, sono difficili da togliere. Ho giocato un miliardo di mani, il field non mi ha mai messo in difficoltà, il torneo è stato per tutto il tempo in discesa”.

In realtà un momento delicato, in cui ha dovuto gestire uno stack non propriamente in salute, c’è stato. Ma è durato un niente:

“Dopo aver perso un grandissimo colpo contro una megabalena che ha trovato il suo river al 9% sono sceso a 10bb. Poi ho vinto uno showdown a tre KK>QQ>AK e sono risalito a 35bb e la mano immediatamente dopo ho vinto QQ>AK”

Andrea dice che in passato questo torneo avrebbe avuto un esito per lui completamente differente:

“Posso dire che tre anni fa questo torneo l’avrei lanciato perchè ad esempio ho fatto due orbite di soli fold perchè ero card-dead e sono sceso fino a 9x. Poi la sorte mi ha aiutato…”

 

Ha vinto il più forte

Nel sottolineare il ruolo giocato dalla sorte nella vittoria finale, Andrea chiarisce però di aver giocato un torneo perfetto, al massimo della concentrazione possibile:

“Ho giocato iperfocused, ieri sera non ho aperto altri tornei anche se c’era l’evento ICOOP 6-max da 250€ di buy-in che per un cash gamer 6-max come me era davvero invitante. Ho voluto mantenere il focus per avere più info possibili e infatti ho fatto delle mani che con meno focus avrei giocato diversamente”.

Per restare in A-Game Andrea ha eliminato ogni distrazione superflua e per questo non ha partecipato in prima persona alla diretta Facebook organizzata dall’amico Davide Nutarelli.

Una scelta che ha pagato, Crobu è chiaramente soddisfatto del poker espresso al Main Event ICOOP:

“Credo di essere quello che ha giocato meglio il Day2, stanotte ho giocato perfetto, non penso di aver sbagliato uno spot. Lo dico con umiltà, sono contento che oggi il gioco sia stato meritocratico perchè oggi ha vinto il più forte”

 

Quando il karma pokeristico torna indietro

Per Andrea questa vittoria è karma che torna indietro:

“Proprio oggi Facebook mi ha ricordato che un anno fa venivo hackerato subito dopo aver vinto un evento ICOOP. Quello fu uno dei giorni più brutti della mia vita… A volte il karma esiste!”

Il sardo vede questo trionfo al Main Event ICOOP di PokerStars anche come un premio alla sua resilienza pokeristica:

“Per la mia carriera era un periodo in bilico perchè sono successe davvero tante cose negative. Poi il karma ritorna… A chi legge posso dire di credere sempre nei propri sogni e nelle proprie aspettative senza mollare mai, la ruota gira e prima o poi il vento cambia”

Andrea dice di essere rimasto piacevolmente sorpreso dal calore dimostrato dalla comunità pokeristica nei suoi confronti.

“Ringrazio tutti quelli che hanno gioito insieme a me, mi sono arrivati tanti messaggi anche da ragazzi che non vedo da un po’. Per le vicissitudini che ho accennato non faccio trasferte per giocare live da un anno e mezzo , ci sono momenti difficili in cui bisogna anche saper rinunciare, ma sono molto contento che i rapporti costruiti nel tempo siano rimasti”.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari