Saturday, Dec. 7, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 21 Nov 2019

|

 

Il racconto di Pasquale Braco dopo la vittoria dell’anello al WSOP Circuit di Rotterdam

Il racconto di Pasquale Braco dopo la vittoria dell’anello al WSOP Circuit di Rotterdam

Area

Vuoi approfondire?

Di questi tempi è meglio non trovarselo di fronte al tavolo verde.

Dopo diverse deep-run sfumate sul più bello, in tornei con un numero di iscritti nell’ordine delle migliaia ( o giù di lì), Pasquale Braco riesce finalmente a chiudere davanti a tutti.

Lo fa a Rotterdam, precisamente alla Circuit Cup, un torneo da 220€ di buy-in con poco meno di 800 ingressi totali.

Certo, se la vittoria fosse arrivata qualche mese fa, magari nel circuito EPT, le cose sarebbero un po’ diverse a livello economico anche se la soddisfazione per aver centrato la vittoria è sempre qualcosa di impagabile.

C’eravamo lasciati lo scorso agosto con un FT sbollato e un 8° posto che gridavano vendetta. Alla fine è arrivato questo anello, che magari non sarà il Main EPT ma fa sicuramente morale…

Questa vittoria non cambia molto a livello monetario, né in quanto a piani futuri ma vincere fa sempre piacere. Non sono di quelli che gioca per il prestigio, ho fame di risultati e pian piano stanno arrivando col gioco che ho sempre espresso. Un anello qui al WSOP Circuit non è nemmeno poi chissà quale riconoscimento, non parliamo certo del Main Event delle WSOP…

Diciamo che oltre ai “pali” presi a Barcellona ho fatto anche un 38° al Battle of Malta su 4.600 iscritti e un 10° posto al Colossus a Rozvadov: in entrambi i casi è stato un flip a condannarmi. 

braco-pasquale

Selfie di Pasquale con l’anello e Andrea Ricci

Sappiamo che la tua presenza a Rotterdam era tutto fuorché programmata…

Assolutamente. Dopo aver fatto ITM all’IPS sempre a Rozvadov abbiamo deciso, assieme ad Andrea Ricci, di avventurarci a Bruxelles per il WPT ma non è andata benissimo. A sole due ore di macchina c’era la Circuit Cap a Rotterdam e siamo finiti là.

Il torneo l’ho giocato senza grandi pretese e in modo un po’ ‘sportivo’, almeno nelle prime fasi. Poi, dopo aver chiuso bene al Day1 e da chipleader al Day2 ho cominciato a prenderla più seriamente in vista del Day3, che coincideva col final table. 

Dopo una falsa partenza, con flush vs nut flush e J-J vs A-A dove riesco a perdere i minimi evitando di brokare preflop trovo un raddoppio prezioso a 8 left, A-Q vs J-J, e risalgo a 30 BB.

Da quel momento in poi ho preso il controllo del tavolo e non mi son più fermato: all’heads-up avevo un vantaggio di 3-1 con 12 milioni contro 4 e dopo aver incrementato il vantaggio, nel corso della pausa cena, l’avversario mi ha proposto un accordo che ho rifiutato all’istante. Tornati al tavolo pusha alla prima mano con K-4off e lo chiamo con 10-10. Un Dieci al turn chiude la partita…

Hai degli obiettivi precisi per il futuro considerato anche il periodo di forma smagliante?

Non ho obiettivi a dir la verità, gioco al meglio delle mie possibilità esprimendo un bel gioco e i risultati si vedono. Rispetto al passato non è cambiato nulla, i tornei che gioco sono sempre gli stessi: ogni tanto provo qualche satellite per eventi dal buy-in più elevato ma rimango sempre coi piedi per terra e la dimostrazione è che gioco anche eventi come questo, dal buy-in di 200€.

Proprio ora mentre vi sto scrivendo sto bullando la fase bolla al Monster Stack da 550€, con 55 rimasti e 35K al primo. Chissà…Dopo questa trasferta però prendo una settimana di riposo in famiglia perché a dicembre c’è l’EPT di Praga e se devo essere onesto credo di essere ancora un po’ in credito con la sorte dopo Barcellona…Che ne dite?🤣

Chiudo ringraziando calorosamente tutti voi, blogger e giornalisti, che riuscite sempre a trasmettere le emozioni che si provano al tavolo e a raccontare le nostre storie. E ovviamente un saluto a tutti gli amici!  

Se vi siete persi la cavalcata di Pasquale Braco al Main EPT di Barcellona dello scorso agosto DATE UNO SGUARDO QUI

 

 

Foto sotto il titolo by PokerNews

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari