Monday, Aug. 10, 2020

Poker Online

Scritto da:

|

il 27 Lug 2020

|

 

Quasi doppietta in due ore alle Stadium Series, il racconto di Stefano Stracquadaino

Quasi doppietta in due ore alle Stadium Series, il racconto di Stefano Stracquadaino

Area

Vuoi approfondire?

Nella penultima sessione le Stadium Series che si chiudono stanotte con il Day2 del Main Event ci hanno regalato una impresa davvero degna di nota.

Stefano ‘Tortellinho9’ Stracquadaino ha infatti sfiorato una doppietta che avrebbe avuto dell’incredibile. Quando mancavano venti minuti alle quattro di mattina il ragazzo di Casalecchio di Reno (BO) si è imposto su 1.159 iscritti e 251 re-entries al €50 NL Hold’em 25H Stadium Series.

Una oretta e mezzo dopo Stefano era impegnato nel testa a testa conclusivo del €30 8-Max KO, un torneo da 1.904 iscritti e  448 re-entries. Letteralmente a un passo dall’impresa, ha alzato bandiera bianca contro ‘TopDogg2.0′.

 

Il racconto della sessione

Stefano spiega che all’inizio sembrava una sessione come tante.

“Ieri sera ho iniziato alle 19 per giocare qualche sat in più, visto che di domenica quando ci sono le Series se si vince il ticket per qualche major non fa mai male. In tutto ho giocato 34 tornei tra mtt e satelliti. La sessione non stava andando benissimo, avevo vinto due ticket, uno per il Main uno per l’evento Stadium Series da 125€, ma non avevo raggiunto grossi itm.”

 

Il torneo vinto anche grazie al deal

Stracquadanio dice che per centrare la sessione migliore della sua carriera un grosso aiuto è arrivato dalla sorte:

“I vari incroci di carte sicuramente mi hanno dato una mano. Lo spot più grande che ho vinto è stato un cooler quando il torneo da 50€ era a 16 left. Io da grande buio contro bottone, al turn si crea il panico per un pot da 50-60x, ho coolerato flush nuts vs underflush”

Ma ‘Tortellinho9’ riconosce anche di aver condotto il torneo vinto al meglio delle sue possibilità, non solo per quanto riguarda il gioco giocato:

“Credo di aver gestito il torneo molto bene e anche la decisione del deal a tre si è rivelata azzeccata. Il payout tra terzo e primo posto non spostava poco e io sapevo che sarebbero rimasti 800€ per il vincitore finale. Dopo l’accordo i due avversari erano rilassatissimi e se la sono gamblata a bestia. Io mi sono messo da parte e ho aspettato di arrivare al testa a testa. L’avversario non aveva capito che ci fossero 800€ per il vincitore e mi sparava all-in in faccia a tutte le mani. Mi sono messo in limp/fold fin quando non ho avuto due spot dove l’ho snappato e ho portato a casa l’evento”

Stefano Stracquadanio

 

 

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

La doppietta sfiorata

Dopo la vittoria, l’idea della doppietta è diventata concreta man mano che Stefano avanzava all’8-max KO da 30€ di buy-in:

“Al Tavolo Finale sono arrivato con il terzo stack, ci stavo credendo davvero perchè essendo reduce dalla vittoria del 50€ ero molto confident e fiducioso nei miei mezzi. Nel giro di poco mi sono trovato chipleader, ho vinto qualche flip, qualche spot postflop e qualche chips uncontested ed è andato tutto liscio. Come ripeto sempre gli incroci a questo gioco fanno la differenza e sono fondamentali. Ieri sono stati dalla mia parte.”

Costruito lo stack, Stefano ha iniziato ad aggredire:

“Appena ho buildato lo stack ho aumentato l’aggressione perchè avevo notato che gli avversari erano molto chiusi. L’unico che mi ha impensierito è stato Umberto ‘thelusor89’ Calabrese, che per mia fortuna per tutto il FT non ha avuto margine di manovra perchè aveva uno stack short con una grossa taglia” (Calabrese ha chiuso il torneo in terza posizione, ndr)

La doppietta Stadium Series in una sera è sfumata sul più bello:

“Ho iniziato l’heads-up in vantaggio due a uno circa e ho iniziato a fare diverse chips uncontested aggredendo bene negli spot giusti. Poi ho sofferto il fatto di non aver hittato un board che fosse uno, da lì a poco si è ribaltata la situazione. Sicuramente un po’ di raammarico per l’hu perso c’è perchè credo fosse abbordabile”

 

La fine di una ossessione

Ma già così il ventitreenne ha centrato la sua migliore sessione di sempre, mettendo un punto a una questione aperta:

“Dalla quarantena puntavo la vittoria dell’evento di una Serie online. Ho centrato tanti tavoli finali ma non sono mai riuscito ad arrivare meglio di terzo. Stava iniziando a diventare una sorta di ossessione, volevo vincere un evento a tutti i costi, ci tenevo particolarmente. Prima di stanotte la migliore sessione era stata a fine aprile con il terzo posto ad uno Special Turbo SCOOP da 100€ di buy-in.”

 

Il percorso pokeristico di Stefano

Per Stefano la sessione di stanotte corona un percorso pokeristico iniziato grazie agli amici:

“Ho conosciuto il gioco con qualche sit’n’go tra amici, poi nel 2017 mi sono approcciato online con uno staking dove purtroppo non sono arrivati i risultati sperati. Nel 2018 sono ripartito da zero grazie a un altro progetto, finita questa ‘gavetta’ sono arrivato a grindare a buy-in medio 30€ i giorni infrasettimanali, il buy-in medio poi si alza la domenica alla ricerca dello shot. Se sono arrivato qui è grazie anche allo studio con EmiConti, ‘vop4’ e Giulio Sonnino“.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari