Sunday, Aug. 18, 2019

Strategia

Scritto da:

|

il 3 Giu 2012

|

 

WSOP 2012 – Dario Alioto vs. Chad Brown: analisi di una mano di Omaha Hi-Lo

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

WSOP 2012 – Dario Alioto vs. Chad Brown: analisi di una mano di Omaha Hi-Lo

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Siamo nelle sale del Rio Casinò di Las Vegas alle World Series Of Poker 2012. Prossimi alla bolla nell’evento #8, l’Omaha Hi/Lo Split 8 or Better da 1.500$, Dario Alioto si trova a giocare BVB contro Chad Brown. Ripercorriamo la mano con il thinking process del capitano di Sisal Poker che ci spiega come e perché ha preso le decisioni durante questa action.

Preflop

Chad Brown limpa da piccolo buio, Alioto ha AT62 con l’asso di picche, ma non suited, e decide di rilanciare trovando il call dell’avversario.

Flop

Le prime tre carte a scendere sul board sono A Q J, Brown checka, Alioto punta, Brown rilancia e Alioto chiama.

Turn

Cade il tre di picche.

A questo punto posso tranquillamente rappresentare il colore all’asso, anche alla luce del fatto che siamo prossimi alla bolla e, di conseguenza, la mia fold equity aumenta rispetto ad una situazione standard. D’altro canto, il mio avversario può tendere a check/raisare con molte mani finte su un flop che non dà possibilità di low come quello che è sceso.

Alioto decide quindi di checkare, Chad Brown punta e Alioto rilancia, ma lo statunitense opta per il call.

River

L’ultima carta sul board è un asso.

A questo punto potrei pensare di puntare, ma il mio sarebbe solo un bluff che probabilmente non funzionerebbe, perché se Chad mi ha check/raisato quel flop con doppia o tris, al river non passerà mai. Se ha colore, allo stesso modo difficilmente mollerà la sua mano. Conosco Chad Brown, ci ho giocato spesso insieme, e non è un giocatore che tende a passare se arriva al river. Avrei potuto farlo passare al turn, infatti era questo l’obiettivo del mio rilancio, volevo chiudere il piatto, ma nel momento in cui mi ha chiamato decido di lasciar perdere. Mi rimangono poche chip e non posso permettermi di spendere delle bet che, per me, a quel punto del torneo sono vitali.

Chad checka, Dario checka dietro, e vede l’avversario vincere il piatto con un full mostrando QQ95.

Non avrebbe passato mai.

Ha giocato bene secondo te?

Con due donne dovrebbe sempre puntare al river perché checkando perde valore. Se lui ha AQ può check-raisarmi, ma con full di donne deve limitarsi al check/call sul river. Però se rilancio turn, al river non bluffo mai, quindi non punto, però se lui punta devo chiamarlo. Non ha una mano abbastanza forte da check/raisare, ma se il suo plan era di check/callarmi allora gli conviene uscire puntando.

Con cosa puoi chiamare un check/raise al river in questo spot?

Solo con full d’assi.

Potrebbe aver avuto un full inferiore?

Penso che se avesse avuto un full di Jack avrebbe raisato turn.

Con colore nut avresti puntato al river?

Penso di si, ma anche alla luce del fatto che lui non può non puntare con full di donne. Con qualche colore al K potrei pagarlo.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari