Sunday, Jul. 21, 2024

Storie

Scritto da:

|

il 3 Lug 2013

|

 

Paura e delirio a Las Vegas: storie di ‘sballati’ al Rio

Paura e delirio a Las Vegas: storie di ‘sballati’ al Rio

Area

Vuoi approfondire?

Chi non ricorda il film di Terry Gilliam, con Johnny Depp e Benicio Del Toro nei panni di un giornalista e di un avvocato che vagano per Las Vegas imbottiti di droghe di ogni tipo?

Girovagando per i corridoi del Rio capita a volte di vedere scene che sembrano uscite proprio da quel film.

Non è raro, infatti, imbattersi in persone che barcollano a zig zag, baldi giovanotti che invece di camminare rimbalzano saltellando come canguri, gente in paranoia che si muove a ragno muovendo la testa a scatti.

D’altronde, se oltre ai ‘cani’ ai tavoli, negli ultimi giorni al Rio si sono visti anche i cani antidroga della security, non è affatto una blasfemia pensare che alle Wsop circolino sostanze proibite… E non solo alle Wsop, visto quanto si vede ogni sera in giro per la Strip, e viste le parole usate da Galb per descriverci il pubblico dell’Electronic Daisy Carnival.

Una delle prime sere alle Wsop, mentre stavo fumando una sigaretta fuori dal Rio, mi si è avvicinato un tizio con l’avambraccio stretto da una cintura e l’occhio sul punto di chiudersi senza che si riuscissero a vedere le pupille. Provava a dirmi qualcosa ma dalla bocca uscivano solo sputi farfugliati. Quando ha mosso il braccio (al ralenty) portandosi le dita verso la bocca, ho capito che voleva una sigaretta.

I giorni seguenti l’ho visto più di una volta addormentato sulla sedia del suo banco, col mento attaccato al pomo d’Adamo e la bavetta che colava dalla bocca.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Ma non sono solamente i personaggi che affollano il Rio a consumare stupefacenti: a quanto ci hanno riferito capita di trovarne anche ai tavoli.

“Al primo incontro del 10.000$ heads-up ho trovato un tizio che era sballatissimo, e non sto parlando di alcool o droghe leggere – dice Dario Sammartino – sicuramente era fatto di qualcosa di pesante, cocaina o vai a sapere cosa. Era bloccato, pieno di tic, non riusciva a parlare perchè la bocca gli si storceva. Se il piatto era di tremila, lui puntava quattromila. Purtroppo giocando a caso è riuscito a vincere l’heads-up”.

Per la cronaca, l’avversario di Sammartino era tal Brandon Davis, arrestato nel 2011 proprio per possesso di droga.

E anche Gabriele ‘Galb’ Lepore ha più di un aneddoto su episodi di ‘fattanza’ ai tavoli:

“Ho trovato spesso giocatori al tavolo in condizioni disperate, che smascellavano e ‘snasavano’ come pazzi. Una sera ne incontrai uno al Rio in una partita cash 5/10. Per quattro ore è andato allin letteralmente ogni singola mano, e non sto esagerando!

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari