Tuesday, Aug. 9, 2022

Storie

Scritto da:

|

il 17 Lug 2013

|

 

Dietro le quinte del Day7

Dietro le quinte del Day7

Area

Vuoi approfondire?

Le WSOP sono ormai andate, almeno questo mese di follia in cui ci sono tre o quattro tornei contemporaneamente, giocatori che multitabblano live, bolle che scoppiano e Final Table che non si raggiungono perché “ho subito un cooler pazzesco“.  Precisamente per tutta questa quantità di cose che sono successe ce ne siamo lasciati dietro altre che meritavano di essere raccontate ma che non abbiamo avuto letteralmente il tempo di scrivere. Per esempio, il dietro le quinte del Day7, in cui Sergio Castelluccio è rimasto così vicino a diventare un November Nine.

Il Day7, soprattutto una volta che rimangono solo due tavoli, è una sorta di preludio al Final Table. Si inizia a capire che tipo di tifoseria ha ogni giocatore rimasto, partono le prime scommesse su chi sarà il prossimo campione del Main Event e gli sponsor cominciano a sgomitare per mettere la patch su questo o su quell’altro giocatore.

Il Day7 ci ha lasciato immagini molto curiose, iniziando dal fatto che c’era probabilmente più gente a guardare il tavolo di Sergio Castelluccio che il feature table dove JC Tran stava ammonticchiando i suoi 38 milioni di fiches. Il motivo è che probabilmente il tavolo di Sergio era più ostico di quello televisivo. Almeno così la doveva pensare Annette Obrestad, molto attenta alle mosse di Sergio, contro cui si era scontrata nei giorni precedenti.

obrestadcastelluccio

Annette ormai la conosciamo, non è certamente una che si metterebbe a fare il tifo urlando come hanno fatto per esempio altri gruppi di ultrà. Per esempio la nutrita torcida brasiliana che ha accompagnato Bruno Kawauti durante l’ultimo giorno di torneo. Viene da pensare che se si sono organizzati così per un Day7 quasi meglio Kawauti non abbia fatto il Final Table perché sarebbe diventata una cosa ingestibile. Altro che vuvuzelas.

Torcida Kawauti

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Il premio alla tifoseria più “particolare” glielo dobbiamo consegnare comunque alle “spontanee tifose” di Chris Lindh, ormai uniformate con delle magliette fluo.

ragazze fluo

ragazze fluo 2

Un’immagine che fa quasi più tenerezza che altro è quella di Erick Lindgren, Phil Hellmuth e Antonio Esfandiari che seguono il tavolo di JC Tran, proprio come i vecchietti del paesino che si siedono al bar a parlare dei vecchi tempi e di questi giovani che ormai non hanno più rispetto per le cose importanti. A un certo punto Hellmuth è sceso a parlare con JC Tran, facendo capire che a lui non servono i media pass, tanto lui è Phil Hellmuth e il Rio è praticamente casa sua.

HellmuthTran

Comunque tutte queste immagini ormai ci fanno sentire un po’ di nostalgia per le WSOP appena finite e non ci resta che aspettare il Final Table a braccia aperte e iniziare ad informarci sui November Nine.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari