Friday, Jun. 14, 2024

Storie

Scritto da:

|

il 12 Dic 2013

|

 

Caso risolto? La F-Secure accerta la presenza di un trojan nel portatile di Jens Kyllonen!

Caso risolto? La F-Secure accerta la presenza di un trojan nel portatile di Jens Kyllonen!

Area

Vuoi approfondire?

Qualcuno forse se lo sarà già dimenticato, eppure, quello che accadde appena qualche mese fa, fu un episodio sconvolgente, anche se riguardante l’inarrivabile mondo del cash game high stakes online.

Breve recap: siamo in pieno svolgimento dell’EPT di Barcellona e tutti i migliori specialisti mondiali, come consuetudine, si sono dati appuntamento in Catalogna. La manifestazione si svolge presso il lussuoso hotel Arts e i più ‘baller’, anche per comodità, hanno deciso di soggiornare nelle sue camere, con la poker room a portata di ascensore. Jens ‘Jeans89’ Kyllonen sale in camera e la sua chiave magnetica non funziona, quindi scende alla reception e torna su con il problema sistemato: entra e il suo laptop non c’è più e scende di nuovo per denunciare il fatto. Torna poi in camera e il computer è ‘miracolosamente’ al suo posto.

Kyllonen teme subito un attacco hacker e, non essendo l’unica vittima della sospettosa sparizione, cerca conforto nell’organizzazione (Pokerstars) affinché venga al più presto fatta luce sulla questione, avendo sempre più sospetti e paura.

Sono passati diversi mesi e la società specializzata F-Secure, alla quale Kyllonen ha portato il suo laptop per sottoporlo a controlli, ha accertato la presenza di un RAT (Remote Access Trojan), inserito via USB proprio nel periodo della sparizione del computer dalla camera del campione finlandese.

Qual è la malevola funzione di questo trojan? Permetterebbe di vedere le ‘hole cards’ della vittima per via remota, facilitando, evidentemente, partite che sarebbero tutt’altro che profittevoli.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

La società specializzata ha deciso di dare un nome specifico a questo tipo di attacco, ovvero ‘Sharking’, che, per caratteristiche, è simile al ‘Whaling’, che ha come bersagli, al posto dei poker player, importanti manager del business internazionale.

A margine di tutto ciò, Jens Kyllonen, non sappiamo se e quanto sollevato per questa risoluzione del caso, assesta un duro attacco a Pokerstars sul forum americano ‘2+2’, colpevole, secondo lui, di non aver coinvolto adeguatamente e prontamente la Polizia al fine di risolvere il problema e, soprattutto, arrivare a capire chi ci fosse dietro questo ‘originale’ attacco criminale.

Caso risolto? Forse non del tutto.

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari