Thursday, Dec. 2, 2021

Storie

Scritto da:

|

il 24 Feb 2014

|

 

I pro su La Casa degli Assi. Rocco Palumbo: “Se me lo chiedessero probabilmente entrerei…”

I pro su La Casa degli Assi. Rocco Palumbo: “Se me lo chiedessero probabilmente entrerei…”

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

La Casa degli Assi è già sulla bocca di tutti. L’idea che un reality possa essere dedicato al mondo del poker ha suscitato tanti entusiasmi e qualche riserva nei confronti di un programma che probabilmente sarà uno spartiacque per la storia del poker in Italia.

A caldo abbiamo colto il parere di diversi poker pro in merito, iniziando come non poteva essere altrimenti dai membri del Team Pro di PokerStars, la room che collabora all’organizzazione del programma.

L’opinione di Christian ‘IwasK.Mutu’ Favale è molto positiva: “Questi programmi sono fondamentali per proseguire quel processo di diffusione del gioco iniziato in tv ormai tanti anni fa. Finora sui canali mainstream il poker è sempre e solo stato ‘poker giocato’. Nella Casa degli Assi l’obiettivo sarà spiegare il gioco e farlo conoscere ai neofiti, intrattenendo allo stesso tempo con una forma più efficace e più adatta alla tv e a quel pubblico che ormai si è fatto una cultura di base sul poker. Potenzialmente l’efficacia di questo tipo di comunicazione può rappresentare un impulso molto positivo per il mercato“.

Anche la sua collega di team Giada ‘CatSniper84’ Fang si è mostrata molto interessata al format: “Credo ne vedremo delle belle perché il field di giocatori di poker in Italia è molto vario… C’è chi è ancora legato al poker a cinque carte e pensa di essere un pro perché a quello era bravissimo a bluffare, c’è lo studente che si avvicina molto cautamente e con approccio ‘ipermatematico’, c’è il giocatore da live, quello da dell’online… Insomma sarà variopinto e credo che questo farà sicuramente avere buoni dati di audience“.

Più cauto è stato Ferdinando Lo Cascio: “Non essendoci precedenti in Italia e’ difficile fare delle previsioni.. Mi sa tanto di arma a doppio taglio. Secondo me dipenderà dalla gente che entrerà nella casa… Se saranno persone educate, competenti e giovani eccetera magari l’immagine del poker  farà un passo in avanti… Nel caso contrario…“.

Rocco Palumbo invece fa un’analisi dal punto di vista settoriale: “Sicuramente per il poker mercato non vedo come si potrebbe fare una scelta più bella di questa, ma sicuramente solo PokerStars avrebbe potuto farla e sono contenta lo abbia fatto…“.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

“Entreresti nella Casa degli Assi?”

Abbiamo posto la domanda ai nostri intervistati trovando qualche risposta sorprendente.

Favale teme di non corrispondere al profilo più adatto: “Non ho mai pensato di partecipare ad un reality show, perché generalmente non sono uno che parla tantissimo, ma considerando che qui quello che conta è il poker, forse ci penserei su“.

Più spinto ancora il braccialettato WSOP Rocco Palumbo: “una casa tipo Grande Fratello onestamente io la odierei con tutto il cuore. Molto diverso potrebbe essere una casa pokeristica, che è comunque la mia vita, e quindi si parte già con un interesse comune non da poco con gli altri partecipanti. Magari si troverebbe anche qualche amico di lunga data! Se entrerei? Diciamo che mi porrei il problema solo se mi chiamassero… e sì, perchè no? Probabilmente entrerei!

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari